Il film Food ReLOVution di Thomas Torelli ci parla della scelta vegetariana

di Elle del 16 novembre 2015

Il film Food ReLOVution di Thomas Torelli ci illumina sulle molteplici conseguenze di un’alimentazione basata sul consumo di proteine animali e sui motivi della scelta vegetariana.

Food ReLOVution tutto ciò che mangi ha una conseguenza’ è il documentario firmato da Thomas Torelli, autore spesso concentrato su tematiche politiche e sociali, è un film che spinge gli spettatori a porsi degli interrogativi importanti su un’abitudine necessaria come quella di nutrirsi. L’attenzione è posta sull’impatto che ciò che si mangia, in particolari i prodotti di origine animale come carne e latte, possono avere sulla nostra salute, sull’ambiente e su aspetti etici strettamente correlati come l’uccisione di animali e la piaghe della fame nel Mondo ancora così attuale. Varie personalità intervengono a presentare le diverse sfumature della questione affrontando sotto diversi punti di vista.

Per l’etica e gli animali

Uno dei motivi che può spingere più autenticamente a fare una scelta vegetariana consiste nel porsi un interrogativo circa non più cosa ma ‘chi’ si ha nel proprio piatto.

A questo proposito Peter Singer, filosofo, professore di bioetica e scrittore, sottolinea la questione del dolore e della sofferenza degli animali non umani come un vero e proprio dilemma sia etico che psicologico per l’uomo

James Wildman, attivista della Fondazione per i Diritti Animali della Florida, commenta la questione attraverso i numeri di una strage che si consuma quotidianamente per soddisfare le nostre abitudini alimentari:basti pensare che ogni secondo negli Stati Uniti 300 animali vengono uccisi per garantire il consumo di carne, mentre è facile immaginare la sorte dei vitellini, strappati alle loro madri per assicurare la produzione di latte per uso umano.

La questione etica, del resto, non si può confinare alla sensibilità animalista poiché tocca da vicino piaghe sociali come la fame del mondo; secondo Carlo Petrini, gastronomo fondatore di Slow Food, la vergogna della moltitudine di morti per fame deve essere affrontata necessariamente dall’umanità come un problema risolvibile.

Vandana Shiva, fisico, attivista per i diritti dell’ambiente e delle donne e scrittrice, rintraccia tra le principali cause della fame nel nostro Pianeta la destinazione di circa il 70% della soia e del mais prodotti nel mondo come mangimi per animali. Anche Francis Moore Lappé, scrittrice ed ambientalista, pone una questione etica rispetto a come possiamo sentirci sicuri e protetti se ancora 868 milioni di persone nel mondo soffrono (e muoiono) per la fame.

Per la salute

Altro punto di vista importante da cui osservare il nostro stile alimentare consiste nel prendere in considerazione gli effetti sulla salute: secondo l’autorevole parere del dott. Franco Berrino, medico ed epidemiologo dell’Istituto Tumori di Milano, si può favorire la prevenzione della maggior parte dei casi di ipertensione, diabete, coronaropatie e una consistente parte di tumori maligni grazie ad un’alimentazione naturale, essenzialmente basate su alimenti di origine vegetale,

Anche gli studi di T. Colin Campbell, medico ricercatore, professore di Biochimica Nutrizionale e autore del bestseller The China Study, hanno rilevato come l’assunzione di proteine animali al di sopra del fabbisogno giornaliero possa contribuire allo sviluppo del cancro; allo stesso modo, in diversi studi si è riscontrato come persone affette da patologie tumorali a cui era stato pronosticato un solo anno di vita restante, sottoposte ad una dieta vegetale presentavano un’aspettativa di vita di molti anni superiore, dimostrando la possibilità di invertire il decorso della malattia.

Per l’ambiente

Non ultima per importanza, la scelta vegetariana suggerita dal documentario viene ad essere sostenuta anche da importanti motivazioni ambientaliste.

Noam Mohr, professore di fisica, sottolinea l’importanza dell’impatto ambientale che il nostro consumo di prodotti animali, in particolare la carne ha sulle sorti del Pianeta, di cui stiamo gradualmente ed inesorabilmente esaurendo le risorse.

Ecco il sito  per ottenere informazioni sul film e contribuire alla raccolta fondi sulla piattaforma di crowdfunding Indiegogo.

Si tratta, quindi, di provare a sfidare le tradizioni alimentari spesso dogmatiche realizzando una pacifica rivoluzione consapevole che parte dalla tavola attraverso una consapevole scelta vegetariana.

Ecco il trailer del documentario ‘Food ReLOVution’:

LEGGI ANCHE:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *