Il parco solare a forma di cuore

di Alessia del 12 luglio 2015

Un parco solare a forma di cuore in Nuova Caledonia, che ricorda il celebre “Coeur de Voh” disegnato dalla Natura e dimostra come un parco solare possa anche essere bello da vedere.

In Nuova Caledonia, nel bel mezzo dell’Oceano Pacifico, si stanno dando un gran da fare per ridurre i consumi energetici, eliminando pian piano la dipendenza dai combustibili fossili per lasciare ampio spazio al rinnovabile.

Grazie a questo parco solare verranno prodotti 2 milioni di tonnellate in meno di anidride carbonica nell’intero ciclo di vita del parco, calcolato di circa 25 anni.
Ben 7.888 pannelli solari produrranno energia per 750 abitazioni a partire da quest’anno.

In questo modo la Nuova Caledonia francese potrà anche parzialmente svincolarsi dall’acquisto di energia dai Paesi esteri, raggiungendo col tempo una propria autonomia energetica.
Ma avevate mai pensato che produrre energia pulita potesse risultare gradevole anche alla vista?

La Froico, azienda specializzata nella produzione di bevande, ha commissionato alla società solare Conergy la realizzazione di un grande impianto solare dalla caratteristica forma di cuore.

Il design è stato ispirato da un’area vegetale davvero suggestiva, il “Cœur de Voh“, una distesa selvaggia di mangrovie resa nota al mondo grazie ad una fotografia aerea ad opera dell’attivista ambientale Yann Arthus-Bertrand.

Cœur de Voh

Cœur de Voh in Nuova Caledonia

Di certo non sono mancati nel passato belli esempi di riconversione di edifici in disuso o strutture abbandonate (ricordate ad esempio la vecchia miniera tedesca trasformata in parco solare?), ma questo parco a noi sembra avere un fascino davvero particolare.

Così come il “Cœur de Voh” è un magnifico esempio di come la natura possa dar vita a qualcosa di meraviglioso, questo secondo cuore costruito per mano dell’uomo potrà diventare il simbolo di un coscienzioso rispetto per l’ambiente.

Ma intanto godiamoci anche un video sul Cœur de Voh originale, buona visione!

Per approfondimenti, leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *