Il ponte solare più largo al mondo è sul Tamigi

di Cinzia Porfiri del 23 febbraio 2014

Il 23 gennaio scorso Londra ha inaugurato una delle sue icone architettoniche più celebri, il Blackfriars Bridge, trasformato nel ponte fotovoltaico più largo al mondo.

Il Blackfriars Bridge (Ponte dei Frati Neri, per la vicinanza di un monastero di frati domenicani), terminato nel 1869, è il terzo ponte di Londra, ha una lunghezza complessiva di 277 metri e ospita la stazione di Blackfriars.

LO SAPEVI? Londra scalda le case con il calore della metro

Nel 2008 sono iniziati i lavori di rinnovamento della stazione, e si è porgettato un tetto anche per il ponte su cui installare oltre 4.400 pannelli fotovoltaici, per un totale di 6.000 mq di copertura.

Ora più della metà del fabbisogno energetico della stazione di Blackfriars – ora collocata direttamente sul ponte e accessibile da entrambi i lati del fiume – è fornito dai pannelli fotovoltaici, consentendo un risparmio, energetico davvero importante, coadiuvato dall’utilizzo dei treni elettrici.

LEGGI ANCHE: 25% di consumi energetici in meno per le famiglie inglesi

Si stima che il nuovo ponte produrrà 900.000 kWh e consentirà di ridurre le emissioni di CO2 di circa 511 tonnellate l’anno: un risultato davvero importante, ottenuto anche grazie all’enorme impegno profuso dalla Network Rail – l’azienda dei trasporti ferroviari britannici – che ha sostenuto fortemente il progetto, in linea con la nuova politica green della capitale britannica.

Il progetto è la prova di come il fotovoltaico possa essere integrato sia in opere architettoniche già esistenti che all’interno di progetti ingegneristici di nuova concezione. Una cosa è certa: dal 23 gennaio il fotovoltaico è diventato una delle nuove icone della capitale britannica.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *