Impianto geotermico di riscaldamento: energia geotermica per riscaldare la casa

di Claudio Riccardi del 30 novembre 2016

Scopriamo insieme cos’è il riscaldamento geotermico, l’utilizzo dell’energia geotermica per riscaldare la casa e quanto costa

Impianto geotermico: Energia geotermica e riscaldamento domestico, ossia riscaldamento geotermico.

Un accostamento che la ricerca e le proposte delle aziende iniziano a proporre come un’opportunità per le utenze residenziali. A dirla tutta, sistemi di questo tipo sono già piuttosto diffusi nel Nord Europa e negli Stati Uniti. In Italia si tratta ancora di una tipologia di riscaldamento relativamente poco nota.

Una grossa mano, in tal senso, la sta fornendo il mantenimento di incentivi mirati. Vedremo meglio questo punto alla fine.

Scegliere un impianto geotermico significa garantirsi un ambiente domestico confortevole, piacevolmente caldo d’inverno e fresco d’estate. Soprattutto, si utilizza una tecnologia rispettosa dell’ambiente e vantaggiosa dal punto di vista economico.

La possibilità di produrre anche acqua fredda per raffrescare durante l’estate, rende gli impianti geotermici l’alternativa ideale ai tradizionali impianti. Il grande “plus” deriva dal fatto che un sistema geotermico racchiude in un unico impianto le funzioni normalmente demandate a due diversi apparecchi, cioè caldaia per riscaldare e condizionatore per raffrescare.

Se adeguato alle caratteristiche dell’abitato, un impianto geotermico “monovalente” è in grado di riscaldare e raffrescare un edificio. Anche senza l’ausilio di altri apparecchi. L’alternativa è quella di abbinare questo tipo di soluzione con impianti solari termici oppure con caldaie a condensazione, in regime “bivalente”.

Impianto geotermico e riscaldamento domestico: i costi

Per introdurre il geotermico si spendono le stesse cifre richieste da un moderno impianto di riscaldamento a gas o a gasolio, di buona qualità. Per una superficie abitativa di circa 150 metri quadri, l’investimento  si aggira intorno ai 20 mila euro (installazione e fornitura impianto).

A parità di superficie infatti i costi per la realizzazione dell’impianto sono del tutto simili, nel caso di un impianto di riscadamento geotermico con sonde orizzontali. Nel caso invece si dovesse optare per la soluzione con sonde verticali, le cifre tendono invece a salire, ma vengono comunque ammortizzate in un breve lasso di tempo.

Mediamente il risparmio sui consumi di un impianto di riscaldamento tradizionale a metano è del 60%. Questa percentuale è anche più alta in confronto a impianti a gasolio o GPL.

Con un impianto di riscaldamento geotermico inoltre non è necessario disporre di canna fumaria, nè di allacciamento alla rete del gas. Si eliminano così anche costi come il controllo dei fumi per la caldaia e la sua pulizia.

Inoltre non c’è più la necessità di disporre di un locale per la “centrale termica” per gli impianti che superano i 35Kw. Parimenti, non è necessario dotarsi di sistemi di controllo di fughe gas e locali dedicati.

Impianto geotermico e riscaldamento domestico: si può installare ovunque?

La risorsa geotermica è disponibile su tutto il territorio nazionale. Particolari tipi di terreno, oppure la presenza o meno di acque sotterranee o di vincoli idrogeologici, determinano la fattibilità tecnica di tali impianti.

Gli impianti di riscaldamento geotermico sono installabili ovunque, in ogni località e ad ogni altitudine.

Non solo case singole con giardino, ma anche appartamenti o condomini. La sola necessità è quella di utilizzare un impianto di distribuzione del calore a bassa temperatura a pavimento o a parete.

Addirittura, in alta montagna il risparmio energetico ottenibile con una pompa di calore geotermica è ancora maggiore, visto che lo scarso apporto di ossigeno fa calare in modo considerevole la resa termica dei combustibili.

Consigliata per tutti gli edifici di nuova costruzione, la geotermia può risultare realizzabile anche per gli immobili di vecchia costruzione. Ovviamente, la convenienza e la fattibilità di un impianto geotermico sono da analizzare caso per caso. Occorre anche valutare la disponibilità di spazio sufficiente per l’allestimento del cantiere e per la posa delle sonde.

In ogni caso si consiglia di installare l’impianto di riscaldamento geotermico in fase di ristrutturazione dell’edificio e dell’impianto termico. Una scelta vantaggiosa anche per tutti gli edifici esistenti che utilizzano caldaie alimentate a combustibili fossili costosi e inquinanti, come gasolio o GPL.

Altra discriminante da tenere in considerazione è la qualità dell’isolamento termico dell’edificio.

Un edificio ben coibentato è un presupposto indispensabile per un corretto dimensionamento dell’impianto geotermico, che assicuri buoni livelli di comfort e di risparmio energetico.

Impianto geotermico e riscaldamento domestico: come funziona

Composizione di un impianto. Un impianto geotermico per il riscaldamento e il raffrescamento sia di un condominio che di una casa singola, presuppone questi elementi fondamentali:

  • La pompa di calore, che va installata all’interno della casa o edificio.
  • Una sonda geotermica, posta in profondità sia verticalmente che orizzontalmente, per lo scambio di calore con il terreno.
  • Un sistema di distribuzione del calore a bassa temperatura all’interno dell’appartamento. Può consistere in pannelli radianti, impianti a pavimento o bocchette di ventilazione. Nel caso di un sistema a pavimento l’acqua circola molto al di sotto (25°) delle normali temperature operative (35°) determinando un risparmio aggiuntivo.
Impianto geotermico e riscaldamento domestico

Impianto geotermico e Riscaldamento geotermico: ecco gli elementi fondamentali per sfruttare l’energia geotermica a casa

A livello tecnico, viene scavato un buco nelle vicinaze della casa, reso invisibile dopo la costruzione. Qui viene installata una sonda di captazione con una perforazione del diametro di pochi centimetri, in modo da consentire lo scambio di calore con il terreno.

La profondità d’installazione e il numero delle sonde geotermiche variano da 50 a 150 mt, a seconda del fabbisogno termico. A livello di tempistiche, la realizzazione richiede una circa 3-4 giorni.

SPECIALE: Riscaldamento ad idrogeno: che cos’è e quali sono le offerte sul mercato

Impianto geotermico e Riscaldamento geotermico domestico: pro e contro

A dispetto di quelli convenzionali, l‘impianto geotermico ha un ciclo di vita molto più lungo. Una caldaia tradizionale deve essere sostituita di norma dopo 20-25 anni mentre in un impianto geotermico, invece, è sufficiente cambiare la pompa di calore. Pensate che le condutture sono garantite dai produttori anche fino a 100 anni!

L’energia geotermica per il riscaldamento domestico è quindi una soluzione ricca di vantaggi, economica ed eco-sostenibile. Ottimo suggerimento per le famiglie italiane, alle prese con l’aumento anche delle tariffe del metano e degli altri combustibili fossili. Consideriamo questo metodo come una valida alternativa ai sistemi tradizionali sia per le case nuove che per fabbricati già esistenti.

Impianto geotermico  e Riscaldamento geotermico domestico: e gli incentivi?

Vediamo qual è la situazione a livello di incentivi per chi voglia optare per un impianto di riscaldamento geotermico. Come noto, un regime di incentivi abbastanza vantaggioso (le famose detrazioni del 55%) hanno spinto negli ultimi anni questo tipo di impianti.

L’attuale situazione è quella disposta a partire dal Dl 4 giugno 2013 n. 63, che è in vigore dal Giugno 2013. Questo provvedimento ha aumentato la quota detraibile per le spese di riqualificazione energetica (e di adeguamento antisismico) dal 55% al 65%. Queste condizioni sono tuttora in vigore. Le successive leggi di stabilità (2014, 2015 e 2016) hanno tutte prorogato fino al 31 dicembre dello stesso anno questa percentuale di quota detraibile. Questo, quindi, è il regime in vigore fino al 31 dicembre 2016. Vi informeremo prontamente in caso di novità nel 2017.

Infine, può essere utile ricordare che – che in alternativa alle detrazioni fiscali – gli impianti geotermici e le pompe di calore possono accedere al Nuovo Conto termico.

L’approfondimento sul riscaldamento geotermico vi è sembrato utile? Allora vi consigliamo di leggere anche questi articoli correlati:

{ 2 comments… read them below or add one }

Francesco giugno 20, 2012 alle 10:03 am

ENERGIA RINNOVABILE E RISPARMIO ENERGETICO – RISCALDAMENTO E RAFFRESCAMENTO DEGLI AMBIENTI

POMPE DI CALORE
http://www.geotermiaitalia.it/catalogo/prodotti.html

Sono sistemi completi di riscaldamento e raffrescamento energeticamente efficiente che assicurano una climatizzazione interna economica e al tempo stesso eco-sostenibile.
Questa tecnologia è disponibile per installazioni residenziali mono/plurifamiliari ed edifici industriali e commerciali di grandi dimensioni.

Pompe di calore geotermiche;
Pompe di calore aria-acqua;
Pompe di calore ad aria esausta.

La pompa di calore geotermica utilizza come fonte di calore il sottosuolo o l’acqua di falda e consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 80%.
Non è necessario risiedere in una zona termale per usufruire dei benefici del calore sotterraneo: a partire da 10 mt di profondità fino ai 100 mt le temperature si attestano intorno ai 10-12°C per tutto l’anno costituendo una fonte di calore ottimale per il funzionamento della pompa di calore.

La pompa di calore aria-acqua utilizza come fonte di calore l’aria esterna e consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 50-60%.
Questa pompa di calore ha un’efficienza straordinaria; ad esempio possono produrre acqua calda per riscaldamento o usi sanitari fino a temperature di 65°C con il solo compressore e lavorare fino a temperature esterne di -25°C!!!

La pompa di calore ad aria esausta utilizza come fonte di calore l’aria viziata presente nella casa, consente un risparmio sui costi per il riscaldamento fino al 50%.

Rispondi

Pierluigi Merlin febbraio 9, 2012 alle 9:06 am

Se è vero che la tecnologia di riscadamento/raffrescamento abbinata all’impianto fotovoltaico è quanto di più attuale, sensato ed economicamente conveniente ci sia sul fronte degli impianti idraulici al giorno d’oggi, è anche vero che nei mercati che sono stati precursori di questa tecnologia, e cioè quelli del nord Europa, la tendenza è quella di preferire pompe di calore aria/acqua invece delle pompe di calore geotermico/acqua. Cioè l’energia ambientale necessaria al riscaldamento non viene fornita dalla perforazione geotermica, ma dall’aria che ci circonda. Questo tipo di impianti permette di ridurre i costi di installazione semplificando al massimo l’impianto, non essendo necessaria la perforazione geotermica. In passato veniva sollevata l’obiezione che tali impianti non permettono il riscaldamento a basse temperature esterne. Oggigiorno permettono il funzionamento con temperature fino a -20 °C, che ne permettono l’installazione senza remore in tutta Italia. Si consideri che la pompa di calore aria/acqua è attualmente il sistema di riscaldamento più usato in Svizzera, dato che le perforazioni geotermiche non sono gradite alle amministrazioni svizzere. Per quanto riguarda i costi di gestione, oltre a quanto già citato nell’articolo, si consideri l’abbattimento pressochè totale in caso di abbinamento col fotovoltaico.
Case come quella descritta esistono già in Italia, come ad esempio lo Stazzo Sa Rudalzedda. In questa casa vacanze potrete non solo vedere queste tecnologie applicate, ma anche toccarle con mano durante la vostra vacanza, prima di valutarne l’installazione a casa vostra. Trovate tutte le immagini e informazioni su http://www.casavacanzeinsardegna.com

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *