La più bella e selvaggia foresta canadese minacciata dall’oleodotto

di La Ica del 27 novembre 2013

In Canada si trova l‘unica foresta pluviale temperata al mondo, la Great Bear Rainforest. Ora questo paradiso nordico contrassegnato da una natura rigogliosa e una fauna unica e selvaggia, che si estende per 32.000 kmq lungo tutta la parte orientale della British Columbia, in Canada, fino alla costa sudorientale dell’Alaska, sta per essere minacciato da un colossale progetto. Potrebbe infatti diventare il luogo in cui realizzare lo sbocco del Enbridge Northern Gateways Pipeline, oleodotto che connetterà Alberta alla città di Kitimat.

Questo progetto sta già facendo tremare le organizzazioni ambientaliste, i rappresentati delle tribù indigene e le molteplici guide ed esperti di trekking e kayak che lavorano in questo tratto di costa. Le coste della Great Bear Rainforest sono caratterizzate soprattutto da fiordi di origine preistorica e da un arcipelago composto da numerose isole e isolotti, con insenature strettissime in cui risulta davvero difficile far passare una nave cisterna!

LEGGI ANCHE: Marea nera giunta sulle coste del Texas: e ora?

La paura è che si possa ripresentare un nuovo disastro simile a quello di Exxon Valdez. Eppure se il progetto andrà in porto, si prevede una sfilata di ben tre superpetroliere dirette a Est, a settimana! Un progetto che potrebbe trasformarsi in un vero e proprio disastro, mettendo a repentaglio un eco-sistema antichissimo, soprattutto marino.

GUARDA LE FOTO DI QUESTA MERAVIGLIOSA FORESTA A RISCHIO

FO/CANADAPARK

Clicca sulla foto per vedere le altre immagini del Great Bear Rainforest

Re di queste acque sono i salmoni, che offrono sostentamento a orsi e lupi; lupi che si sono perfettamente adattati al clima a e all’ambiente, avendo imparato a cacciare esattamente come gli orsi. Foche, delfini, coguari vivono indisturbati tra le alte montagne che trattengono le perturbazioni artiche all’esterno, è questo lo scenario da sogno della Great Bear Rainforest (soprannominata lo Yosemite marittimo) in cui network importanti come BBC e National Geographic vengono a tenere le riprese che ci incantano, documentario dopo documentario.

APPROFONDISCI: Exxon Valdez, 20 anni dopo ancora danni

Se l’iniziativa della Enbridge dovesse riuscire a concretizzarsi, questo straordinario angolo di paradiso potrebbe andar perso per sempre. L’habitat marino, e conseguentemente terrestre, ne verrebbe seriamente compromesso, causando un cambiamento climatico senza precedenti. In pochissimo tempo, la Great Bear Rainforest perderebbe tutte quelle meravigliose particolarità naturali: i lavoratori di quell’area verrebbero licenziati, naturalisti e scienziati non potrebbero più effettuare le loro importanti ricerche, e noi non potremmo più visitare uno dei posti più rari ed incantevoli al mondo.

Potrebbe interessarti anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *