La più grande fattoria urbana è a Shenzhen

di Martina Pugno del 23 marzo 2014

Avreste mai pensato di trovare una immensa fattoria urbana nel cuore di una grande città cinese, come quella di Shenzhen? Eppure, il progetto di Thomas Chung è diventato realtà e la Value Farm costituisce, ad oggi, il progetto più ambizioso la mondo di spazio agricolo urbano.

POTREBBE PIACERTI: La prima fattoria “verticale” apre a Singapore

La fattoria urbana si estende su un territorio di 2.100 mq, su un terreno già destinato alla coltivazione, ripensato ora come una fucina di sviluppo per idee green e luogo di promozione di un nuovo modello integrato di coltivazione urbana.

Pur mantenendo le precedenti strutture già realizzate sul territorio, compresi i canali per l’irrigazione, la fattoria urbana di Shenzhen è stata completamente ridisegnata per adattarsi alle esigenze di un contesto urbano moderno e di una popolazione in costante crescita: idealmente, le persone che prendono parte alle coltivazioni dovrebbero poter vivere in modo completamente autosufficiente dal punto di vista alimentare, proprio grazie ai frutti della terra provenienti dalla Value Farm.

LEGGI ANCHE:  Le 5 migliori fattorie urbane sul tetto

Non solo terra da coltivare, ma anche luogo da vivere: questa è la filosofia alla base della realizzazione di questa azienda agricola, dove vengono organizzati eventi di ogni tipo. Non di rado, la fattoria urbana si trasforma in un originale e suggestivo set fotografico per i book dei matrimoni.

GUARDA LE FOTO DELLA GRANDE FATTORIA URBANA CINESE!

Guarda le foto

Gli incoraggiamenti alla partecipazione attiva di certo non mancano: all’interno della fattoria vengono organizzati eventi, rassegne del gusto, percorsi gastronomici e feste dedicate ai sapori tradizionali.

VAI A: L’orto urbano diventa sotterraneo: succede a Londra

Lo sviluppo delle piene potenzialità della Value Farm di Shenzhen è soltanto agli inizi, ma già tutta la Cina guarda a questa prima fattoria urbana come possibile modello da esportare in tutto il Paese per la creazione di luoghi che possano soddisfare le esigenze legate alla produzione di cibo, ma anche alla promozione della collaborazione e della partecipazione attiva all’interno delle singole comunità urbane.

{ 2 comments… read them below or add one }

claire marzo 23, 2014 alle 1:43 pm

Più che una fattoria mi pare un orto, o perlomeno, io non vedo animali (per fortuna)

Rispondi

meno di 1/4 di ettaro. giugno 16, 2014 alle 12:16 pm

-.- quanta idiozia in un solo commento

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *