La ristorazione è ‘’green’’ con le iniziative di ‘’People’s Supermarket’’

di Erika Facciolla del 12 luglio 2013

Arthur Potts Dawson è uno chef rinomato con più di 25 anni di esperienza. E’ anche l’ideatore di ‘’People’s supermarket’’, un supermercato sostenibile con prodotti biologici a basso costo che arrivano direttamente dai contadini locali.

Al grido di ‘’For the people, by the people’’, Potts  ha coinvolto la comunità e i contadini, favorendo la filiera corta nel processo di distribuzione e diffondendo l’attenzione alla qualità del cibo.

Il cuoco inglese ha così deciso di dedicare la sua vita professionale alla causa della sostenibilità e della lotta allo spreco alimentare. In che modo?

E’ il proprietario di due ristoranti che mettono in pratica molti dei principi propugnati dallo stesso Potts Dawson: l’Acorn House e il Water House, che prendono il nome da due elementi naturali : il legno (l’Acorn è infatti il tipo di legno) e l’acqua.

NE ABBIAMO GIA’ PARLATO: People’s Supermarket, lavori 4 ore e ti pago con lo sconto sulla spesa bio

Chi ha lavorato o visitato la cucina di un ristorante saprà bene quali e quanti siano gli sprechi al suo interno. Alla Acorn House come prima cosa il cibo servito è bio e stagionale, di certo non troverete nel vostro piatto le fragole a dicembre! I prodotti impiegati in cucina sono sani e soprattutto locali.

Il design, oltre a creare un ambiente decisamente confortevole, è interamente eco-sostenibile. Pavimento e sedie sono stati realizzati utilizzando materiali riciclati e riciclabili, mentre i tavoli sono stati costruiti con legno certificato dall’ Ente forestale norvegese. Le luci funzionano grazie ad un sistema che trasforma il vento in energia elettrica. La cucina è in grado di servire 220 coperti al giorno, questo comporta la produzione di una grossa quantità di rifiuti.

SCOPRI E SEGNALA I TUOI RISTRANTI BIO VEGETARIANI E VEGANI PREFERITI: http://bio.tuttogreen.it/bio/elenco/ristoranti/

Il problema del loro smaltimento viene ovviato grazie ad un sistema di compostaggio e ad un maceratore. A far da cornice, un orto nella parte posteriore del ristorante dove lo chef cresce spezie e profumi usati nella sua cucina.

Il Water House invece, non sfrutta il vento ma l’acqua. Ogni cosa all’interno del ristorante funziona grazie ad un sistema idroelettrico che prende l’acqua da un canale vicino. In natura non ci sono sprechi, tutto ritorna, tutto si trasforma. Arthur Potts Dawson ha fatto sua questa filosofia e l’ha messa al servizio della ristorazione.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *