Le auto diesel e a benzina spariranno dalle città scozzesi entro il 2050.

di La Ica del 19 novembre 2013

Dopo l’annuncio di Delanoë, è la volta di Keith Brown, Ministro Scozzese per i Trasporti. È di pochi giorni fa la notizia che la Scozia, dopo Parigi nel 2012, stia progettando il suo stop totale alle auto, a benzina e diesel, dai centri urbani delle proprie città. L’obiettivo, è quello non soltanto di ridurre le emissioni nocive di gas serra nell’atmosfera, ma anche di scoraggiare i viaggi brevi.

La popolazione verrà sensibilizzata ai problemi ambientali, attraverso incentivi (anche di natura economica), legati all’uso di auto ibride ed elettriche, e di mezzi pubblici. A questo poroposito, il Governo sta già pensando di rafforzare la propria rete di centraline di carica per auto elettriche. Essendo particolarmente ambizioso, il progetto è dunque anche particolarmente controverso, non a caso lo Scottish National Party ha posto il limite massimo al 2050.

SPECIALE: Auto ibride 2015, il listino aggiornato

Circa 17 milioni di euro (14 milioni di sterline) verranno investiti nei prossimi due anni per garantire il passaggio delle auto governative dal petrolio all’elettrico o ibrido. E saranno circa 6.000 gli euro che verranno stanziati pro capite, per ogni cittadino privato che vorrà passare dalla propria auto ad una più pulita. Ma per Brown e il suo staff non sarà facile.

Il piano infatti incontra la resistenza persino dello Scottish Green Party che ai microfoni di MSN UK recita così: “quei soldi risulterebbero meglio spesi se venissero utilizzati per rafforzare le infrastrutture già esistenti. Dalle riparazioni del manto stradale, a interventi di sicurezza per ciclisti e pedoni, fino al rafforzamento del servizio pubblico di trasporto.”

Lo Scottish Green Party sa il fatto suo, ma come ricorda il Ministro, l’Unione Europea ha sancito (nel 2007, e per il 2020!) una serie di obiettivi climatici a cui tutti gli Stati dovranno far fronte, non da ultimo: una riduzione del 20%, delle emissioni di CO2, rispetto ai livelli del 1990 (aumentata a 30% se si considerano i Paesi in via di Sviluppo). Noi di Tuttogreen, sappiamo quanto questi cambiamenti siano difficili; da promuovere, digerire, sviluppare. Ci uniamo alla coraggiosa iniziativa del Ministro Scozzese, dichiarando che: se non avremo un aria da respirare, non avremo neanche una strada da percorrere.

Potrebbe interessarti anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

*