Sono le megalopoli asiatiche le città più esposte alle catastrofi naturali

di Luca Scialò del 15 ottobre 2013

In Asia, in un futuro nemmeno troppo lontano, potrebbero verificarsi scene apocalittiche da film americani. Quasi tutte le grandi metropoli rischiano infatti di essere devastate da una calamità naturale: inondazioni in primis, ma anche uragani, tempeste, terremoti e tsunami. Uno studio condotto dalla svizzera Swiss Re stila una vera e propria classifica di rischio delle città più esposte alle catastrofi naturali.

Stando alla compagnia elvetica, il più grande agglomerato a rischio è quello di Tokyo-Yokohama, che conta 57,1 milioni di abitanti potenzialmente a rischio (una popolazione che ospiterebbe quasi tutta l’Italia in pratica); segue la regione di Manila, che vanta 34,6 mln di abitanti. Poi l’estuario del fiume delle Perle della regione di Hong Kong, Macao e Canton in Cina (34,5 mln), la regione che tocca le città giapponesi Osaka e Kobe (32,1 mln), e la capitale indonesiana Giacarta (27,7 mln). E ancora Nagoya (Giappone, 22,9 mln) Calcutta (India, 17,9 mln) e Shanghai (Cina, 16,7 mln).

SPECIALE: ‘Non uscite di casa’ è l’appello delle autorità a Pechino per l’aria inquinata

Tutte megalopoli esposte ad un livello di rischio idrogeologico e a volte anche solo igienico ed ambientale (leggi qualità dell’aria in primis) davvero notevole.

Nella top ten delle città più esposte alle catastrofi ambientali, ci sono però anche due città non asiatiche che chiudono questa classifica poco lusinghiera: l’americana Los Angeles, che vanta 16,4 milioni di abitanti, e la capitale iraniana Teheran, con i suoi 15,6 milioni di abitanti.

Ma oltre alle perdite umane, ciò che preoccupa sono i danni all’economia. Swiss Re stima che in termini di produttività le più danneggiate sarebbero Tokyo, seguita da Osaka, Kobe e Nagoya. Qui però sono seguite anche subito da città non asiatiche: l’estuario del fiume delle Perle, Amsterdam-Rotterdam, Los Angeles, New York – Newark (Usa), San Francisco (Usa), Parigi e Taipei (Taiwan).

Insomma, lo sviluppo ha un prezzo a volte poco visibile, ma che cionondimeno esiste: un prezzo che si chiama maggiore esposizione alle catastrofi naturali. Una delle grandi sfide da vincere per le città del futuro…

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *