Le finestre controllano l’intensità della luce grazie ad un vetro ‘intelligente’

di Alessia del 4 novembre 2013

Più volte, presentandovi progetti di abitazioni eco-sostenibili, vi abbiamo parlato dell’importanza di sfruttare l’utilizzo di ampie vetrate per far entrare la luce naturale all’interno.

Unico neo di questo escamotage architettonico è la necessità di schermare le finestre per evitare che durante i mesi estivi passi troppo calore.

Finora l’unico metodo per ovviare a questo inconveniente è sempre stato quello di oscurare il vetro, limitando perciò parte della luminosità.

SCOPRI ANCHE: Una presa solare da finestra per caricare direttamente con la spina

Un’équipe di ricercatori della California, presso il Lawrence Berkeley National Laboratory di Berkeley, è riuscita a progettare un sistema per regolare la quantità di luce e di calore che passa attraverso il vetro, in base alle condizioni meteorologiche esterne.

Grazie alla combinazione di due materiali conduttori come i nano-cristalli di ossido di indio e stagno e una matrice vetrosa di ossido di niobio, il vetro riesce ad avere caratteristiche e proprietà che non avremmo mai avuto usando singolarmente ogni materiale.

La finestra può così essere controllata a distanza, commutandosi in modalità scura, per ottenere un oscuramento totale, o in modalità luminosa, senza filtri di alcun tipo.

I cristalli sono disposti a doppio strato, per cui quando si attiva il primo strato vengono bloccati i raggi infrarossi, quando si attiva il secondo il vetro si opacizza e viene schermata parte della luce naturale.

LEGGI QUESTO: Sundolier illumina di luce solare gli interni

Il risultato è che in modalità oscurata questo vetro intelligente blocca il 50% del calore e il 70% della illuminazione naturale.

Se gli edifici adottassero vetri di questo tipo si potrebbe ottenere un notevole risparmio energetico, poiché andrebbe a diminuire sia l’utilizzo di condizionatori d’aria che quello della illuminazione artificiale.

Il team di ricercatori attualmente sta lavorando per abbassare i costi di produzione di modo da favorire una diffusione commerciale del prodotto.

Utilizzare l’ossido di indio e di stagno è difatti molto costoso e si sta studiando un modo per sostituirlo con cristalli alternativi, come il più economico zinco.

Se ti è piaciuto, leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *