Miele di acacia: proprietà e benefici

di Elle del 1 febbraio 2017

Le proprietà del miele di acacia uniscono i pregi del miele ai benefici dell’acacia; vediamo quali sono i suoi utilizzi.

Il miele di acacia si ricava dalla robinia pseudoacacia, pianta appartenente alla famiglia delle mimosacee, e per questo si trova anche sotto il nome di miele di robinia. E’ dai suoi fiori, quando vengono impollinati dalle api, che si ottiene questo tipo di miele, dal profumo vagamente floreale e dal sapore dolce.

Si tratta di un miele unifloreale, del tipo che si ottiene quando si posizionano le arnie in un’area dove crescono molte di piante di una stessa specie, per fare sì che le api impollinino soprattutto queste. Al contrario, il miele millefiori è il risultato di arnie che si trovano in una zona dalle varietà differenti in cui non predomina una sola specie.

Si produce un po’ in tutt’Italia, con una prevalenza dell’arco prealpino. La fioritura, che avviene solo a maggio, può essere vanificata dalle piogge, per cui in alcuni anni dalla primavera molto piovosa, la raccolta di miele è stata compromessa e il suo prezzo è salito.

Ecco tutte le sostanze dolcificanti alternative allo zucchero:

Miele di acacia colore, consistenza e profumo

E’ di colore sempre molto chiaro, che ne garantisce anche la purezza. A volte varia dal giallo paglierino all’ambra ed ha la caratteristica di non cristallizzare praticamente mai, per cui ha una consistenza sempre liquida e sciropposa.

Il suo profumo è fiorito e delicato, ed il suo sapore è piuttosto dolce ma delicato, per cui si presta bene nelle preparazioni a freddo perché non copre gli altri sapori. Non contiene glutine, quindi è ideale per i celiaci.

Miele di acacia valori nutrizionali

E’ molto digeribile e può essere consumato anche dai diabetici, per il suo basso contenuto di zuccheri complessi e alta percentuale di fruttosio, che non deve essere metabolizzato con l’aiuto dell’insulina. Ed è, come i vari tipi di mieli, anche molto calorico (100 gr apportano 300 Kcal).

  • zuccheri: contiene soprattutto destrosio (35%) e fruttosio (40%) oltre ad una piccola percentuale di saccarosio
  • sali minerali: tra questi è ricco di potassio, fluoro, calcio, sodio e fosforo
  • vitamine: molte vitamine tra cui B2, B3, B5 e B6, C e J, oltre ai folati
  • amminoacidi: in particolare acido aspartico e acido glutammico, oltre a glicina, lisina, isoleucina, prolina, cistina, leucina, alanina, arginina, triptofani e tirosina.

Trovi il miele di acacia anche online:

Le proprietà del miele d’acacia

Il miele di acacia può essere considerato un’energizzante naturale oltre ad essere un ottimo ricostituente dall’elevata digeribilità e un’alternative naturali allo zucchero.

E’ infatti molto energizzante e digeribile, questo ne fa un alimento perfetto per gli sportivi e gli studenti.

Suggerimento: scopri come fare i dolci senza zucchero e come sostituirlo

Rappresenta un utile rimedio naturale anche in caso di mal di gola, oltre a possedere un’azione lassativa ed un effetto disintossicante per il fegato.

Può permettere di contrastare anche l’acidità di stomaco e rappresenta un dolcificante naturale che, secondo alcuni pediatri, può essere assunto anche da bambini al di sotto dell’anno di età.

Le proprietà del miele di acacia: anche per il raffreddore il miele d'accacia può essere arricchito dalle gemme di pino

Le proprietà del miele di acacia: anche per il raffreddore il miele d’acacia può essere arricchito dalle gemme di pino

A proposito di miele:

Il miele di acacia fa dimagrire?

Di per sè questo miele non fa dimagrire, però esiste una regime alimentare detto ‘dieta del miele‘, ideato dal dottor Mike McInnes, perché la sera si ingeriscono 2 cucchiaini di miele puro prima di dormire e perché si utilizza solo questo come dolcificante. Il regime prevede di eliminare pane, pasta e carboidrati in genere, bibite e dolci, tranne quelli al miele, mentre si possono mangiare proteine a volontà.

Gli zuccheri semplici a fine giornata favorirebbero il sonno e il rilascio notturno di ormoni e regolerebbero il metabolismo, facendo bruciare fino a 1 kg alla settimana.

La ricetta con il miele d’acacia

Un rimedio efficace per liberare le vie respiratorie dal catarro e a superare gli attacchi d’asma è il miele con gemme di pino. Si parte dalla base di miele d’acacia per arricchirlo con l’azione balsamica delle gemme di pino silvestre.

Prendete:

  • 500 gr di gemme di pino silvestre 
  • 600 gr di miele d’acacia
  • 1,5 l di acqua

Preparazione. Bollite le gemme nell’acqua per almeno un’ora, e se a fuoco lento, anche un 1 ora e mezza. Filtrate il decotto e versate in un pentolino in cui aggiungete anche il miele. Fate di nuovo bollire fino ad ottenere un composto sciropposo e denso. Se avete le vie respiratorie ostruite, 1-2 cucchiaiate alla sera aiuteranno a liberare il naso e respirare meglio.

Potrebbe piacervi anche queste ricette al miele:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *