Le trote? Meglio allevarle in acqua di sorgente…

di Erika Facciolla del 31 gennaio 2014

Quando si pensa agli allevamenti di trote, in genere si immaginano le classiche vasche di accrescimento interrate per il novellame, dove i pesci nuotano in spazi asfittici e acque dall’inconfondibile odore poco gradevole.

Risalendo le vette più alte del Piemonte che circondano Cuneo, si arriva in località San Biagio dove ha sede l’omonima azienda ittica e agricola gestita dalla giovane imprenditrice Delia Revelli che alleva le sue trote e altre varietà di pesci di acqua dolce in vasche riempite con acqua di sorgente purissima.

LO SAPEVI? Le cose che non vogliamo sapere sull’allevamento di pollo e pesce

Un contesto del tutto diverso da quello a cui siamo soliti pensare; un luogo in cui i pesci diventano prodotti gastronomici di primissima qualità e a km zero, attraverso una filiera interamente controllata e a bassissimo impatto ambientale.

ALTRI VINCITORI DEGLIOSCAR GREEN: 

Non a caso l’azienda di Delia Revelli è stata eletta vincitrice dell’Oscar per l’agricoltura Green 2013, assegnato pochi mesi fa da Coldiretti per valorizzare le aziende del territorio nazionale che si dedicano all’allevamento e all’agricoltura nel totale rispetto della natura.

Dalle vasche alla tavola passando per un breve ciclo di lavorazione e trasformazione che restituisce prelibatezze come ragù, tonno di trota, filetti affumicati, paté e tanti altri. E l’ingrediente principale, oltre la passione di chi ci lavora, è uno e selezionatissimo: l’acqua di sorgente che sgorga direttamente dalle vette alpine più alte. Una vera eccellenza gastronomica traboccante di natura.

VAI A: Mercurio nei pesci, da dove viene?

E non è tutto. Nel corso degli anni l’azienda San Biagio è diventata una vera e propria fattoria didattica aperta a bambini, genitori e studenti provenienti da tutto il comprensorio per fornire loro un primo approccio all’itticoltura, scoprirne le tecniche e i segreti, osservare la riproduzione dei pesci in tutte le sue fasi.

Per tutte le informazioni utili sui percorsi didattici e le attività proposte in fattoria, visitate il sito ufficiale www.piemonteagri.it.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *