L’energia eolica sorpassa il nucleare in Cina

di Luca Scialò del 20 marzo 2013

La vituperata (in tema ambientale e non solo) Cina sorprende tutti e fa registrare un sorpasso dei parchi eolici rispetto alle centrali nucleari del 2% nel corso del 2012. Dal 2007 infatti, la produzione di energia nucleare è aumentata del 10% su base ann0, mentre quella eolica dell’80 per cento.

Il cambio di rotta è scattato soprattutto dopo il disastro nucleare consumatosi in Giappone nel 2011, visto che in Cina era previsto il raggiungimento di 40.000 megawatt di energia nucleare entro il 2015 e, forse, 100.000 megawatt entro il 2020. Dopo il disastro è stata stoppata la costruzione di nuovi impianti ed è stato deciso un riesame della sicurezza degli impianti già in esercizio e di quelli in costruzione.

SPECIALE: Per Wikileaks pericoloso il programma nucleare cinese: in programma 50 reattori con tecnologia obsoleta

Anche se i funzionari ancora sostengono che la Cina raggiungerà 40.000 megawatt di capacità nucleare nel 2015, il ritmo attuale di costruzione rende questo obiettivo alquanto improbabile.

Le prospettive per l’eolico invece sono molto più promettenti. Gli sviluppatori di vento collegati hanno prodotto 19.000 megawatt nel corso del 2011 e 2012, e si prevede di raddoppiarli nel 2013.

La Cina dovrebbe facilmente raggiungere l’obiettivo ufficiale di 100.000 megawatt di capacità eolica entro il 2015 e di almeno 200.000 megawatt entro il 2020. Dati impressionanti, che confermano una volta di più che non è possibile oggi disinteressarsi a cosa succede in Cina, perché tutto quello che succede dalle parti del gigante asiatico avrà ripercussioni globali.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *