L’illuminazione pubblica causa del 50% del consumo energetico nel mondo

di Luca Scialò del 2 settembre 2013

Lo sapevate che addirittura il 70% del consumo globale di energia proviene dall’utilizzo di energia consumata in città? E che, cosa ancor più notevole, circa il 50% è imputabile all’illuminazione degli spazi pubblici (strade, parchi, uffici, scuole)?

Questa evidenza era stata sollevata anche durante la conferenza internazionale sull’energia sostenibile, ospitata dall’associazione no profit ‘Regions of Climate Action‘ (R20) a Vienna lo scorso febbraio: in quell’occasione, Philips in collaborazione con Ecofys, aveva presentato uno studio per il miglioramento dell’efficienza dell’energia elettrica.

FOCUS: Il lampione intelligente a Prato è una realtà

Stando alle simulazioni di questo studio, sarebbe possibile passare dall’attuale tasso annuale di incremento di efficienza energetica dell’1% fino al 3% annuale.

Questo aumento permetterebbe la riduzione di investimenti di capitale in infrastrutture energetiche pubbliche, il che comporterebbe un risparmio di 1900 miliardi di euro entro il 2030.

Per raggiungere tale nobile ma arduo traguardo, Philips e R20 hanno annunciato il lancio entro il primo trimestre 2013 di un ‘Toolkit’ per l’illuminazione stradale a Led che fornirà informazioni utili ai governi, alle regioni e alle municipalità.

Di fatto si tratta di una fortissima sponsorizzazione delle soluzioni per l’illuminazione pubblica funzionanti a Led, che timidamente qualche amministrazione locale sta cominciando ad adottare. In alternativa, c’è sempre il vecchio, drastico metodo di spegnere proprio le luci, come successo di recente a Parigi.

La lotta agli sprechi energetici continua, anzi, è appena iniziata….

Altri articoli che ti potrebbero interessare:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *