Lunario agricolo per dummies: novembre

di Erika Facciolla del 7 novembre 2013

Coloro che, in questi mesi, hanno imparato insieme a noi a prendersi cura di orto e giardino secondo i cicli naturali della terra e le fasi lunari, dovranno prestare particolare attenzione ai lavori da eseguire nel mese di novembre, un periodo in cui il freddo dell’inverno comincia a bussare alla porta di un autunno ormai agli sgoccioli.

SPECIALE: Coltivare con la luna, come le fasi lunari influenzano l’agricoltura

La terra si prepara ad un lungo letargo invernale e per far sì che al suo risveglio tutto sia pronto ad accogliere l’avvento di una nuova primavera: occorre lavorare sodo, proteggere gli ortaggi dalle prime gelate mattutine, concimare la terra e liberare aiuole e cespugli dalle infestanti, che con l’umidità potrebbero favorire la formazione di funghi e muffe nocive per le nostre coltivazioni.

In novembre la luna sarà calante dal 1° al 2 e dal 18 al 30, mentre ricomincerà a crescere dal 4 al 26 del mese. Nella prima fase, ove il clima si rivela ancora abbastanza mite da consentirlo, ci industrieremo per trapiantare i bulbi di aglio e cospargeremo di materiale organico (letame e foglie secche) le basi degli alberi da frutto.

Le prime olive sono ormai pronte per essere raccolte e il terreno può essere leggermente dissodato per meglio esporlo al gelo dell’inverno che lo renderà più fecondo in primavera. Quando la luna decresce, ci si può dedicare all’attività di copertura degli arbusti, degli ortaggi e delle piante più delicate dal freddo, magari utilizzando veli appositi (TNT= tessuto non tessuto) che potrete trovare facilmente in commercio.

LI CONOSCI? I lavori dell’orto, del giardino e per le piante di appartamento da fare a Novembre

Non utilizzate sacchetti di plastica o tessuti che non garantirebbero alla pianta l’ottimale traspirazione o il passaggio della luce. Nel’avvolgere le piante, ricordate che il velo non deve aderire troppo alle foglie o alle parti vitali.

Altrettanto importante è la protezione delle radici, che può essere garantita per tutto l’inverno dal letame, scarti vegetali, paglia o foglie secche, utili anche per prevenire l’attacco dei roditori. Per le piante in vaso, la protezione dalle gelate invernali è ancora più facile: cercate di posizionarle in luoghi riparati e al contempo ben illuminati, preferibilmente orientati verso sud.

Quando la luna tornerà a crescere si potrà procedere con le ultime semine e raccolte nell’orto. In pieno campo andranno i piselli e le fave, mentre in serra cicoria e ravanelli. In giardino, invece, potremo seminare viole e margherite e i cavoli ornamentali che ci regaleranno splendide fioriture invernali.

Nel frutteto è il momento di mettere a dimora meli, peri e peschi, mentre in cantina, con la fermentazione dei mosti ormai completata, è possibile procedere al primo travaso.

Se ti interessa il tema lunario agricolo, ecco i pezzi pubblicati nei mesi scorsi:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *