Manioca proprietà e ricette da preparare

di Alessia del 7 gennaio 2016

Scopriamo insieme le proprietà della manioca, una radice dalle origini antiche, ricca di carboidrati, ferro e calcio che è anche un’ingrediente base della cucina naturale.

La manioca (nome scientifico Manihot esculenta) è un arbusto proveniente dall’America centro-meridionale, coltivato nelle foreste tropicali.

Le proprietà della manioca, detta anche cassava, casava, yuca o yucca, sono molteplici; si tratta di una radice dalla forma simile a quella di una carota, la cui scorza è ruvida e marrone, mentre la polpa interna è dura e bianca, ma al contatto con l’aria, per effetto dell’ossidazione, diventa rossiccia. Dalla manioca si ottiene una farina simile alla fecola, chiamata tapioca di cui vi parlerò in dettaglio successivamente che viene utilizzata per lo più nel Sud America e nel Nord Africa.

La manioca fa parte delle euphorbiaceae, la parte commestibile è solo la radice che può raggiungere fino agli 80 cm con un diametro di 5 cm. Esistono 2 tipi di radice: quella amara (dalla pelle liscia) e quella dolce (con la pelle raggrinzita). Con il tempo entrambe possono modificare il loro aspetto, diventando da dolci ad amare o viceversa.

La manioca è una radice commestibile.

La manioca è una radice commestibile.

La storia

La manioca è una pianta dalle origini antiche, le testimonianze ne fanno risalire l’utilizzo a 6.600 anni fa, difatti sono stati ritrovati dei pollini presso il sito archeologico di di San Andrés. Era uno degli alimenti fondamentali della popolazione Maya e molti reperti artistici dell’età precolombiana ne riproducono i vari usi testimoniando il largo consumo che se ne fece.

All’arrivo degli europei nelle Americhe  la manioca costituiva il cibo alla base della dieta degli amerindi.

Le proprietà ed i benefici per la salute

La manioca è costituita principalmente da acqua (60%), carboidrati, proteine, ceneri, zuccheri e grassi in ridottissima quantità.  Vi è anche una discreta presenza di sali minerali come fosforo, magnesio, calcio, potassio, manganese e selenio e si riscontra una buona concentrazione di vitamine, soprattutto del gruppo C, B, E, K e betacarotene.

La manioca contiene anche importanti aminoacidi, tra cui la fenilalanina, la metionina e il triptofano.

La manioca è una delle principali fonti di carboidrati per gli abitanti dei paesi tropicali ed è anche ricca di ferro, calcio e niacina (la vitamina B3). Dal punto di vista nutritivo però è molto scarsa, infatti contiene il 35% d’amido, da 0,50 a 0,75 % di proteine, lo 0,33% di glucosio e l’1% di saccarosio e di destrina dato che in pratica non sono presenti grassi.

Piantagioni di manioca

Piantagioni di manioca

Dal punto di vista terapeutico le radici di manioca amara sono tradizionalmente impiegate per contrastare la dissenteria, mentre le foglie costituiscono un ottimo analgesico. Alla radice fresca tritata, invece, vengono associate proprietà antinfiammatorie, antisettiche e diuretiche.

Manioca ricette ed utilizzi in cucina

La parte commestibile di questo arbusto è rappresentata dalle grosse radici a tubero ricche di amido.

La manioca rappresenta un alimento con elevato potere calorico data l’elevata concentrazione di carboidrati; è tuttavia priva di glutine (per cui è un cibo adatto anche per i celiachi) e povera di contenuto proteico.

ATTENZIONE: La manioca non può essere mangiata cruda, va sbucciata e cotta come le patate. Nella varietà dolce è presente difatti una tossina nella buccia per cui bisogna pulirla per bene. Questa tossina è presente all’interno della polpa nel caso della varietà amara.

La manioca può essere fritta, cucinata come purè ed anche preparata in umido. Il brodo di cottura può essere utilizzato per addensare le minestre o per le pappe dei bambini.

Farina di Manioca per Dolci

Dal tubero della manioca si ricava con un processo di lavorazione anche una tipologia di fecola, detta Tapioca o anche farina di Manioca, che è molto utilizzata ad esempio in Sud America per la preparazione di dolci, date le proprietà addensanti, ma che trova anche utilizzo per preparare piatti minestre o creme a base di verdura.

La Tapioca, alla fine del processo di lavorazione, si presenta in forma di piccole sferette bianche, non una vera e propria farina quindi.
Per chi desiderasse provare la Tapioca, eccovi dove acquistarla direttamente online:

Farina di Tapioca
€ 3.4

Tempi di cottura della manioca

In commercio si trova per lo più la manioca dolce, buona sia arrosto che bollita. I tempi di cottura variano tra i 15 e i 30 minuti. Una volta cotta bisogna eliminare la parte fibrosa centrale che non è commestibile.

Se volete sfiziarvi con una colazione tipica del Brasile, provate a servirla tiepida con un po’ di burro mentre, sempre in Sud America, molti preferiscono lessare la manioca per accompagnarla a carne o pesce.

Ricetta dei palitos de yuca, snack a base di manioca tutti naturali

Eccovi anche la ricetta per fare i palitos de yuca,, molto semplice e veloce per arricchire il vostro menù.

Per fare i palitos, tipici snack delle zone colombiane, vi occorrono:

  • 900 gr di radice di manioca
  • 1 uovo
  • 40 gr di burro
  • farina 00 qb
  • sale
Le palitos de yuca

Gli snack a base di manioca, i palitos de yuca

Eccovi ora la preparazione passo passo:

  1. Lessate la manioca in abbondante acqua calda salata, sbucciatela, aggiungete un pizzico di sale e lavoratela fino ad ottenere una purea.
  2. Aggiungete l’uovo e il burro ammorbidito e cominciate a mescolare, aggiungete poca farina, se l’impasto dovesse risultare troppo morbido, dovete ottenere un impasto sodo.
  3. A questo punto fatene un lungo cordone di 2 cm di spessore e tagliate tanti bastoncini della lunghezza di un dito.

Friggeteli in olio bollente e consumateli subito dopo, i palitos de yuca vanno serviti caldi.

Eccovi altri ingredienti della cucina naturale che potrebbero interessarvi oltre alla manioca:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *