Melissa proprietà, usi e controindicazioni

di Erika Facciolla del 23 maggio 2016

Alla scoperta della Melissa Officinalis o Melissa, una pianta che vanta diverse proprietà antispasmodiche ed antiossidanti, efficace contro insonnia e stress. Scopriamo meglio le sue caratteristiche e alcune ricette che si possono preparare.

Splendida come pianta ornamentale da giardino ma preziosa soprattutto per le sue note proprietà antispasmodiche e calmanti, la Melissa (Melissa Officinalis – fam. Labiateae) è una bella pianta erbacea perenne di forma cespugliosa che cresce spontaneamente nelle zone ombrose e lungo le siepi.

Diffusa sia in Europa che in Asia occidentale, il fusto di questa pianta può raggiungere gli 80 cm di altezza ed è caratterizzato da una peluria diffusa anche sul fogliame di colore verde intenso. I fiori a calice mutano colore durante la fioritura, passando da un bianco-giallastro al rosa pallido.

L’alta concentrazione di oli essenziali fa sì che le sue foglie sprigionino un gradevole aroma (e sapore) di limone.

Da dove viene la Melissa Officinalis

La parola ‘melissa’ deriva dalla radice greca ‘meli’ che significa ‘miele’, indubbiamente per il suo dolce nettare ed il profumo inebriante che attira api e insetti di ogni genere. Greci, Arabi e Latini ne consigliavano l’uso per calmare stati d’ansia e ne esaltavano i benefici sul sistema nervoso descrivendola addirittura come ‘pianta che rallegra e conforta il cuore’, ideale soprattutto per lenire la malinconia e superare i momenti più critici della vita.

Melissa proprietà

Ciò che si utilizza della melissa sono essenzialmente le foglie impiegate ancora oggi per calmare gli stati ansiosi e combattere i disturbi gastroenterici ad essi collegati. Un infuso a base di foglie di melissa, infatti, ha proprietà antinfiammatorie e antispasmodiche, il ché lo rende un vero toccasana per alleviare i dolori mestruali, crampi addominali, colite, mal di testa e disturbi digestivi. Gli oli essenziali di cui sono ricche le foglie agiscono con un’azione rilassante sui muscoli, rinfrescante e antivirale, grazie alla presenza di acidi polifenolici e polisaccaridi, particolarmente indicati anche per la cura dell’herpes.

Melissa controindicazioni

Se assunta in dosi modiche, non presenta effetti collaterali. Controindicazioni sono invece presenti qualora venga assunta in quantità eccessive, dal momento che potrebbe sortire effetti diametralmente opposti a quelli per i quali viene assunta: in altri termini, anziché risultare calmante, potrebbe risultare blandamente eccitante ed ansiogena.

Come di consueto, il consiglio è quello di consultare il proprio medico di base e il farmacista di fiducia riguardo alle dosi ottimali.

melissa officinalis

Melissa officinalis: tutte le sue proprietà!

La ricetta con la Melissa

Oltre alle virtù elencate, la tisana di melissa è indicata anche per sedare la fame nervosa provocata stress e stati emotivi particolari. Per prepararla utilizzate 1 cucchiaio di foglie di melissa lasciate in infusione per 10 minuti in una tazza di acqua bollente. Una volta filtrato, l’infuso può essere assunto tempestivamente per sedare crampi addominali e rilassare i muscoli. Il blando effetto sedativo lo rende ideale per conciliare il sonno poco prima di andare a letto.

Come coltivare la Melissa

Trattandosi di una pianta assai resistente, può essere coltivata in qualsiasi posizione, preferibilmente in aree semi-ombreggiate, con qualche ora di sole al giorno, in contenitore o meglio ancora in giardino, in un terreno profondo e leggermente umido.

Non necessita di concimazione e dovrete innaffiarla una volta alla settimana in mancanza di piogge. Seminata in primavera, la pianta fiorirà in estate.

Tra i prodotti acquistabili online, ti segnaliamo proprio i semi:

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *