Metti in vaso la matita e avrai una piantina

di Elle del 19 ottobre 2013

Nulla si crea, nulla si distrugge, tutto si trasforma‘, le parole di Lavoisier sembrano davvero adatte per esprimere l’ottica del riciclo che porta con sé Sprout, la speciale matita che diventa una pianta.

Avete presente il mozzicone di matita inutilizzabile e accantonato in un angolo? Bene, alcuni studenti del MIT (Massachussets Institute of Technology) hanno ideato un modo creativo per il recupero delle matite diventate corte e non più utili per il loro scopo originario.

SCOPRI QUESTO: Raincatch; l’impermeabile che… disseta!

‘Sprout’ si presenta come una normale matita realizzata in legno di cedro alla cui estremità è presente una capsula contenente 4 semi; inserendo la capsula in un vaso con un po’ di terra, quando la matita è diventata decisamente troppo piccola per poter ancora scrivere, e innaffiando un po’ sarà possibile far decomporre la capsula e lasciar germinare i semi in esso contenuti.

Basilico, coriandolo, menta, salvia, timo, aneto, rosmarino, pomodoro, calendula e peperoncino sono alcuni delle piantine che è possibile avere con Sprout.

LEGGI ANCHE: Plantbook, il laptop ad energia solare che si ricarica innaffiandolo

L’idea di questa eco-matita, tanto semplice quanto originale, si è aggiudicata il premio ‘Miglior prodotto eco-friendlyper il 2013. E come non dargli ragione!

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *