MIT progetta il nuovo orto urbano

di Simona Treré del 7 novembre 2014

CityFARM – uno dei recenti progetti sviluppati al Massachusetts Institute of Technology di Boston da un gruppo multidisciplinare di ingegneri, scienziati, economisti e progettisti urbani – è il risultato dell’unione fra tecnologia e nuovi metodi agricoli in materia di nuovo orto urbano.

Leggi anche: cos’è la coltivazione idroponica?

All’interno del Media Lab del MIT, si trova l’installazione del progetto pensato per costruire nuovi modelli di fattorie urbane. Si tratta di un orto urbano “tecnologico” che dà vita a uno spettacolo multicolore: le stanze sono pervase da una profusione di vegetazione che cresce indoor grazie a luci LED rosse e blu, le quali intervengono automaticamente quando la luce proveniente dall’esterno scarseggia. La temperatura è costantemente controllata e non è soggetta alle restrizioni stagionali degli ambienti esterni.

orto urbano tecnologico

CityFARM: l’orto urbano “tecnologico”

orto MIT

La vegetazione cresce indoor grazie a luci LED rosse e blu che intervengono quando la luce proveniente dall’esterno scarseggia

Il metodo di CityFARM si avvale non solo dell’agricoltura idroponica, ma anche della coltivazione aeroponica, con quest’ultima le radici restano appese in aria, protette da uno scudo termico e, attraverso un apposito sistema di irrigazione, sono costantemente nebulizzate con acqua arricchita di vari nutrienti, tra cui fosforo, azoto, potassio e anche microelementi come rame e magnesio. Le piante sono irrigate ogni cinque minuti circa, in modo da rendere la crescita costante.

Coltivazione verdure università

Il metodo di CityFARM si avvale non solo dell’agricoltura “idroponica”, ma anche della coltivazione “aeroponica”

Con questo metodo le piante crescono più velocemente e, trovandosi in un ambiente interno, sono meno vulnerabili ai parassiti. Afidi e acari occasionali sono comunque presenti, ma per debellarli non sono necessari i pesticidi nocivi, bensì le famose coccinelle, validi aiutanti per il controllo dei parassiti (e protagoniste indiscusse dell’agricoltura biologica). Così le piante crescono sane e numerose, basti pensare che l’ultimo raccolto di CityFARM ha alimentato l’intero gruppo del Media Lab (ossia gruppi di ricerca composti da diverse centinaia di persone)!

Scopri: Bulbo, un progetto italiano per l’orto urbano casalingo

Team MIT CityFARM

L’ultimo raccolto di CityFARM ha alimentato l’intero gruppo del Media Lab (ossia gruppi di ricerca composti da diverse centinaia di persone)!

Uno degli obiettivi del progetto è utilizzare l’agricoltura urbana per facilitare l’accesso al cibo, risparmiando risorse. Infatti, non solo l’agricoltura urbana diminuisce la necessità di spedire ortaggi su lunghe distanze (riducendo così anche le emissioni di CO2), ma grazie alla tecnica aeroponica si ottiene un risparmio d’acqua maggiore rispetto a un sistema di agricoltura convenzionale.

Potrebbe piacerti: Grove Labs, per coltivare l’orto in casa o direttamente in cucina!

Secondo Caleb Harper, il fondatore di CityFARM, vicinanza significa anche un maggiore valore nutrizionale. Infatti, secondo le sue ricerche, il raccolto ottenuto con CityFARM ha una densità di nutrienti maggiori rispetto a quelli convenzionali, perché non è necessario raccogliere frutta e verdura prima della maturazione.

Come funziona

Uno degli obiettivi di CityFARM è utilizzare l’agricoltura urbana per facilitare l’accesso al cibo e risparmiare risorse

Il motto del gruppo CityFARM è “Food for the Future”, infatti il loro scopo è quello di trovare valide soluzioni che permettano di produrre cibo accessibile e di alta qualità per le (e nelle) città del futuro.

Per seguire questo progetto potete visitare il sito www.mitcityfarm.com.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *