Mora frutto ricco di benefici: utilizzi e ricette

di Erika Facciolla del 9 novembre 2016

La mora, frutto ricco di principi attivi benefici, vitamine e sali minerali, è nota fin dall’antichità per le sue proprietà antiossidanti e per l’alto contenuto di acido folico. Conosciamo meglio questo frutto selvatico e i suoi tanti impieghi terapeutici e alimentari.

Mora frutto ricco di benefici, è una bacca dei rovi e dei gelsi, piante molto diffuse in tutta Europa e in Italia, dove cresce spontanea nelle campagne, nei boschi e ai bordi delle strade.

A differenza delle more di rovo, però, le more di gelso sono coltivate essenzialmente come nutrimento per il baco da seta.

La mora si presenta come un frutto morbido e succoso dal colore nero-rossastro, tendenzialmente lucido, e dal sapore dolce e acidulo che raggiunge la sua piena maturazione nei mesi estivi fino alla fine di settembre.

Oltre ad essere molto utilizzate in cucina per la preparazione di marmellate, succhi e composte, le more sono sfruttate per le proprietà benefiche e l’alto valore nutrizionale. Vediamo insieme di cosa si tratta.

Mora frutto

Mora frutto pieno di virtù benefiche

La pianta della mora: il rovo

Il nome scientifico della mora di rovo è rubus ulmifolius, pianta appartenente alla famiglia delle rosaceae che cresce spontanea nei boschi, nei sentieri collinari e ai bordi delle strade di campagna.

In realtà annovera molte altre piante da frutto come il melo, il pero, il mandorlo, il pesco e l’albicocco.

La mora fa parte dei cosiddetti ‘piccoli frutti’ che identificano tutti quegli arbusti perenni a sviluppo lento e dai frutti morbidi e succosi. Ne sono un esempio anche i ribes, l’uva spina, i mirtilli, i lamponi, le fragole e l’uva.

Viste le loro fioriture appariscenti e generose, alcune varietà di rovi sono coltivate come piante ornamentali per decorare balconi e giardini.

Scopri anche altre bacche e frutti di bosco:

mora frutto

Mora frutto ricco di benefici, vediamo i suoi utilizzi

Mora frutto proprietà nutritive

Nonostante sia molto facile raccoglierle tra inizio luglio e fine settembre, sono frutti selvatici poco presenti sulle tavole e ingiustamente sottovalutati.

In realtà, sono ricche di principi attivi benefici che contribuiscono al benessere di tutto l’organismo, in particolare di cuore, arterie, intestino e gola. Vediamoli.

  • zuccheri: eguali quantità di destrosio e fruttosio e xilitolo
  • sali minerali: presenti in buona quantità calcio, sodio, fosforo, magnesio, ferro, potassio, manganese, selenio, rame e zinco,queste sostanze oligominerali fanno della mora un frutto consigliato per garantire la motilità intestinale e il buon funzionamento delle vie urinarie.
  • vitamine: ricco di vitamina C, A e K, importanti per la salute della pelle, delle ossa e per il funzionamento del sistema immunitario; presenti anche le vitamine B1, B2, B3, B5, B6.
  • flavonoidi: luteina, zeaxantina e beta-carotene 
  • acidi organici: in particolare acido citrico, malico e tartarico
  • fibre: alta percentuale di pectine, che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo e aiutano la digestione.
  • pigmenti: hanno alta percentuale di antocianine, tannini a cui la mora deve il colore scuro, che contrastano l’azione dei radicali liberi e hanno azione antinfiammatoria e vasocostrittrice.

Provate questi prodotti a base di more che si trovano online:

Come tutti i frutti di bosco, anche la mora contiene antocianine e flavonoidi, sostanze antiossidanti che contrastano l’invecchiamento cellulare provocato dai radicali liberi.

Il consumo abituale di more e dei suoi estratti ha effetti diuretici, depurativi e rinfrescanti. L’azione depurativa, in  particolare, agisce in modo benefico su cuore e arterie e favorisce un’azione di contrasto verso le patologie cardiovascolari.

Contiene una buona quantità di acido folico, indispensabile per le donne in gravidanza, sopratutto nei primi mesi di gestazione, quando una carenza di acido folico può compromettere il regolare sviluppo del feto.

Mora frutto

Mora frutto ricco di utilizzi in cucina: ad esempio nella marmellata

Mora usi terapeutici

Già nell’antichità, le foglie di mora erano utilizzate per preparare tisane e decotti utili per contrastare le ulcere gastriche e per lenire i disturbi gastrointestinali.

Tutte le parti del rovo, oltre ai suoi frutti, possono essere utilizzare per preparazioni erboristiche e fitoterapiche. Dalla radice, ad esempio, si estrae un buon concentrato di tannini dall’azione astringente e lenitiva.

Non a caso, il tè ottenuto dall’estratto di radice di mora è un antidoto naturale contro i disturbi intestinali e un potente alleato per contrastare la diarrea.

Germogli, foglie e gemme sono utilizzate per realizzare decotti utili per la cura delle infiammazioni del cavo orale e delle gengive (gargarismi). Il succo del frutto della mora, invece, è utilizzato in campo cosmetico per la preparazione di impacchi e maschere dall’effetto rinfrescante e idratante.

Visto il modesto apporto calorico (43 calorie per 100 grammi), la mora rappresenta uno spuntino energetico a basso indice glicemico che può essere consumato in tutta liberata sia da chi soffre di diabete che da chi segue diete e regimi alimentari ipocalorici.

La mora è un alimento ricco di fibre solubili e insolubili che garantiscono il buon funzionamento dell’intestino e dell’apparato digestivo in generale. Consumare more con regolarità significa prevenire la stitichezza e favorire la regolarità intestinale.

Studi scientifici, infine, hanno dimostrato l’efficacia dei flavonoidi e delle antocianine nel prevenire molte forme tumorali.

Queste sostanze sono particolarmente concentrate nelle more selvatiche e rappresentano i pigmenti che conferiscono la tipica colorazione blu-rossastra al frutto.

Mora frutto

Mora frutto adatto a numerose preparazioni dolci

Mora controindicazioni

La mora è un frutto che non presenta particolari controindicazioni o effetti collaterali, ma è bene ricordare a chi soffre spesso di diarrea e diverticolite che il consumo deve essere limitato per via dell’alto contenuto di fibre.

Prima di raccogliere more dai rovi è bene valutare attentamente la maturazione del frutto e scegliere solo quelle dal colore più intenso e brillante onde evitare di consumare more dal sapore troppo acidulo e dall’effetto particolarmente astringente.

Allo stesso tempo, le more troppo mature potrebbero risultare poco saporite o contaminate da insetti e mosche attirati dall’alta concentrazione di zuccheri fermentati.

Mora frutto ricette

Gli amanti di vini e liquori potrebbero trovare interessante questa ricetta della grappa di more, che si realizza con:

  • 200 gr di more selvatiche se possibile appena raccolte
  • 1 bastoncino di cannella
  • 1/2 limone con la buccia
  • 1 l di grappa secca di buona qualità
Mora frutto

Mora frutto adatto anche al liquore

Preparazione. Mettete a macerare tutti gli ingredienti in un contenitore di vetro in un luogo esposto alla luce del sole per 3-4 giorni, per poi continuare al buio per circa un mese.

Trascorso questo tempo, filtrare il liquido e conservatelo in un luogo fresco e al riparo dalla luce. La grappa di more può essere consumata dopo due mesi di riposo.

Ecco anche altre ricette a base di more:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *