Moria di pesci nella laguna per le gare di canottaggio delle olimpiadi di Rio

di Erika Facciolla del 2 aprile 2013

Sconvolgente scoperta in Brasile, proprio nel lago che nel 2016 ospiterà i giochi olimpici di canottaggio: lo specchio d’acqua della laguna Rodrigo de Freitas è stato completamente ricoperto da 65 tonnellate di pesci morti in circostanze apparentemente misteriose. L’inspiegabile moria è stata fotografata dal Daily Mail ma le immagini del luogo dell’orrore hanno fatto il giro del web in pochissimo tempo.

Secondo gli esperti il fenomeno sarebbe imputabile alle copiose precipitazioni degli ultimi mesi che hanno impoverito di ossigeno l’acqua della laguna fino a renderla letale per le tante specie ittiche che la popolano. Ricciole, spigole, pesci gatto e tante altre varietà di pesci sarebbero dunque rimaste letteralmente imprigionate nelle acque fino al soffocamento.

SPECIALE: un’incredibile moria di pesci in Lousiana, forse causata dal disastro di British Petroleum

Tuttavia, molti si interrogano sulle ragioni che potrebbero spiegare questo apparente fenomeno ‘naturale’, peraltro già verificatosi in Brasile nel 2009, nel Rio di Santa Barbara.

C’è chi pensa, infatti, che episodi del genere siano una diretta conseguenza dell’azione dell’uomo e dell’aumento dell’inquinamento atmosferico e idrico. La moria di pesci, come quella delle api e altre specie animali considerate dagli esperti degli ‘indicatori naturali’ della salubrità dell’ambiente, rappresenterebbe un campanello d’allarme davvero preoccupante.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *