Nel comasco un borgo diffuso per vivere in modo più eco-sostenibile

di Claudio Riccardi del 30 marzo 2013

Tra i due rami del lago di Como, dove le colline di Brianza lasciano il posto ai monti della Valassina, ha preso forma un nuovo modo di gestire gli approvvigionamenti alimentari e i rapporti della vita comunitaria. In realtà, la verà novità risiede in un ritorno alle origini, alle epoche storiche in cui ogni villaggio era autosufficiente e gli scambi erano fondati sul baratto.

Tra i Comuni di Asso e Valbrona 25 persone hanno deciso di professare un modo diverso d’intendere la vita,  un ritorno ai ritmi della natura, come succede sempre più di frequente in ecovillaggi in Italia e in altri paesi europei.

Uniti sotto l’egida di un’associazione di promozione sociale, queste famiglie vivono dei prodotti dell’orto e della stalla, non utilizzano pesticidi, si scambiano all’esigenza ciò che serve. Non c’è ombra di contanti o bancomat, il principio è quello del “do ut des”.

FOCUS: Albergo diffuso: cosa sono gli alberghi diffusi e dove sono in Italia?

Si chiama autosostentamento, si traduce in un’ economia virtuosa a chilometri zero. A farla da padrone, in questa dieta alimentare, sono uova e verdure, con innesti sporadici di carne e riso, e anche l’acqua è rigorosamente di fonte. Raramente serve fare la spesa, e si ha come l’impressione che denaro contante, grande distribuzione, frenesia e indici finanziari siano lontani anni luce. E pensare che Milano dista solo 60 Km.

LEGGI ANCHE: ‘A New We’, un documentario ci racconta 10 eco-villaggi in Europa

Silenzio, pace, armonia con l’ambiente, duro lavoro. Per nove di queste persone la filosofia naturale è estesa anche alle abitazioni, vecchi casolari in pietra recuperati facendo uso di legno e terra cruda.

E voi, che ne pensate di questo revival bucolico?

Approfondisci: eco-villaggi d’Europa:

{ 3 comments… read them below or add one }

giacomo ottobre 23, 2013 alle 5:49 pm

sono uno studente di ingegneria ambientale e sono molto interessato a tutti gli aspetti della vostra esperienza…..se volessi passare a trovarvi o farvi alcune domande?????
grazie in anticipo

Rispondi

cinzia maggio 15, 2013 alle 12:24 pm

ma se si vuole andare a trovarli e vedere come vivono, chi bisogna contattare..

Rispondi

fabiana aprile 9, 2013 alle 5:20 pm

Ne penso tutto il bene possibile…esempio da imitare

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *