Allo studio nuovi rivestimenti per produrre, immagazzinare e rilasciare energia

di Claudio Riccardi del 25 settembre 2013

In Gran Bretagna, come negli Stati Uniti, e in altre aree del mondo. Università e centri di ricerca sono al lavoro per trovare un’alternativa all’annoso problema dei pannelli fotovoltaici, efficaci sì ma anche costosi, antiestetici e difficili da smaltire.

L’obiettivo è produrre elettricità su supporti che ben si integrino con le architetture dei centri abitati e con il paesaggio, addirittura invisibili, negli intenti degli scienziati. Ecco allora che molti laboratori stanno puntando sui rivestimenti per i tradizionali materiali da costruzione, che però catturino e immagazzinino l’energia solare, rendendo gli edifici delle vere e proprie ‘centrali elettriche’.

SCOPRI ANCHE: Le vernici “mangia-smog”. Cosa sono e quali benefici possono portare all’ambiente

Per esempio, un‘équipe di ricercatori guidata dalla Swansea University, in Galles e Imperial College, a Londra, sta lavorando ad una speciale vernice, contenente grafite di carbonio, quella delle matite per intenderci, per rivestire alluminio e vetro e renderli così in grado di produrre elettricità.

La grafite è un ottimo conduttore e si attiva anche a contatto con una fonte solare. Negli esperimenti si applica questo rivestimento su vetro, plastica o ferro, tipici materiali da costruzione, che poi vengono posti in una soluzione d’inchiostro colorato. In questo modo, vengono resi capaci di immagazzinare e rilasciare la preziosa energia.

Grazie a questa tecnologia per il rivestimento, tutti gli edifici potrebbero diventare una fonte energetica affidabile che contribuirebbe alla diffusione delle rinnovabili.

LO SAPEVI? Come l’industria chimica ha infestato le nostre vite

Dall’altra parte dell’oceano, i ricercatori statunitensi della Notre Dame University hanno invece messo a punto una vernice composta da una miscela di materiali polimerici e particelle di biossido di titanio, rivestite con solfuro e seleniuro di cadmio, sospesa in una soluzione idro-alcolica per creare una pasta. Ricoprendo con questa pasta un buon conduttore ed esponendo il tutto alla luce, si può generare elettricità.

La sperimentazione di Sun-Believable, così è stata battezzata la speciale vernice, risulta in fase avanzata. I ricercatori sono ora concentrati in particolar modo sull’abbattimento dei costi di produzione e il miglioramento dell’efficienza, al momento infatti la capacità energetica della vernice è dieci volte minore rispetto ai pannelli al silicio.

Tuttavia i margini di miglioramento sono ampi e ci sembra che questa sia una buona via alternativa ai pannelli solari.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *