Obama crede nell’auto elettrica e investirà 2 miliardi di dollari

di Claudio Riccardi del 12 aprile 2013

Il presidente americano Barack Obama intende rispettare le promesse della campagna elettorale in tema di energie rinnovabili e mobilità sostenibile durante il suo secondo e ultimo mandato. Sul piatto sono pronti  i 2 miliardi di dollari da investire soprattutto nelle auto elettriche una delle principali scommesse di Obama in tema di sostenibilità – nei biocarburanti e nella produzione domestica di gas naturale. Obama in persona ha rivelato i dettagli del programma in un recente incontro tenuto presso l’Argonne National Laboratory di Chicago.

L’obiettivo è quello di affrancarsi sempre maggiormente dall’utilizzo di petrolio straniero. Verrà istituito un trust di sicurezza energetica atto a finanziare la ricerca di nuove tecnologie, nonostante le resistenze espressa dai repubblicani del Congresso. Da tenere a bada, come era prevedibile, ci sono poi  le lobby del petrolio e delle auto a benzina secondo cui i veicoli a combustione sarebbero in grado di offrire ancora notevoli benefici ai consumatori.

SPECIALE: Auto elettriche, il listino completo del 2013

I produttori fanno leva sulle ridotte capacità di immagazzinamento dell’energia da parte delle batterie al litio, e sulla loro scarsa affidabilità allo stato attuale. Inoltre, come riporta uno studio, i veicoli elettrici presentano un potenziale significativo di tossicità umana, un’ecotossicità delle acque, una eutrofizzazione dell’acqua dolce e l’impatto di alcuni metalli, in gran parte provenienti dalla catena di alimentazione del veicolo.

Si sottolinea insomma come proprio la produzione di batterie per auto elettriche rischierebbe di diventare una delle principali fonti di inquinamento. Obama sembra deciso e convinto delle proprie ragioni, ma il braccio di ferro con i potentati economici della Confederazione è solo all’inizio.

Forse ti potrebbe interessare anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *