Olanda a un passo dal bandire le auto che non siano elettriche dal 2025

by Marco Grilli on 6 maggio 2016

L’avanguardia della mobilità sostenibile si chiama Olanda. Nel Paese dei tulipani, già noto per il suo forte sostegno alla ciclabilità, la norma che prevede il divieto di vendita di auto alimentate a benzina o a gasolio a partire dal 2025 ha ottenuto una prima approvazione in Parlamento.

Il provvedimento, sostenuto dal Partito Laburista PvdA con l’appoggio di deputati dei verdi GroenLinks, dei Liberal-Democratici D-66 e di altri partiti (ChristenUnie, SP e Kuzu/Ozturk), ha suscitato reazioni contrastanti e la forte opposizione della Destra. Secondo l’attuale ministro degli Affari Economici Kampf si tratta di un piano folle e irrealizzabile, perché secondo il suo parere la quota di mercato delle auto elettriche potrà salire al massimo al 15% tra dieci anni. Non la pensano così i convinti sostenitori della norma, che vedono molto più vicino e possibile l’obiettivo delle zero emissioni.

In attesa del pronunciamento del Senato per la definitiva approvazione, i numeri olandesi del settore elettrico, che comprende anche le auto ibride, continuano a dimostrarsi confortanti e lasciano ben sperare.

Nel 2015 sono state vendute oltre 43mila vetture elettriche, con tale comparto che si attesta così al 10% circa del mercato automobilistico totale. Una percentuale seconda solo a quella della Norvegia (22%), Paese leader incontrastato sul fronte della mobilità elettrica. Siamo di fronte a numeri di tutto rilievo, se pensiamo che negli Usa il mercato elettrico rappresenta un misero 0,66%, mentre anche l’Italia si mostra in notevole ritardo per la conversione ecologica.

L’ibrido più amato dagli olandesi continua a essere il SUV crossover Mitsubishi Outlander P-HEV, che rappresenta il 27,5% delle vendite di auto elettriche-ibride nel periodo 2009-2015. La 100% elettrica più acquistata è invece la Tesla Model S.

Leggi anche:

Che l’Olanda abbia un cuore verde lo dimostrano molti altri provvedimenti e obiettivi dichiarati al di là della norma in questione. Si punta molto sulle rinnovabili, se è vero che nel 2014 è stato fissato il target del 14% (entro il 2020) e del 16% (entro il 2023) di energia totale prodotta da fonti pulite, senza dimenticare che nello stesso anno è stata inaugurata la prima strada solare al mondo. È una splendida realtà anche l’immagine delle città olandesi decongestionate, ricche di piste ciclabili e “invase” dalle due ruote senza motore, basti pensare che un terzo dei residenti utilizza la bicicletta come mezzo di trasporto principale.

Olanda a un passo dal bandire le auto che non siano elettriche dal 2025

Olanda a un passo dal bandire le auto che non siano elettriche dal 2025

Ormai da tre anni il governo dell’Aia ha firmato un accordo sull’energia con una quarantina di organizzazioni indipendenti, volto a ridurre le emissioni di CO2 e a promuovere varie iniziative green nell’ambito energetico e nell’isolamento termico degli edifici. Lo scorso dicembre, inoltre, l’Olanda è entrata a far parte della Zero-Emission Vehicle Alliance (insieme a Gran Bretagna, Germania, Norvegia e vari altri Stati del Nord-America), con l’obiettivo di giungere alla vendita esclusiva di auto ecologiche a zero emissioni entro il 2050. La norma ora all’esame del Senato olandese mira proprio a bruciare le tappe in questa battaglia in difesa dell’ambiente.

In ogni caso, per la mobilità dolce paiono aprirsi scenari interessanti: secondo una ricerca condotta dalla Bloomberg New Energy Finance, la notevole riduzione dei prezzi delle batterie permetterà alle auto elettriche e ibride di essere più convenienti rispetto alle vetture a benzina o a gasolio entro il 2020. Stando alle previsioni fornite dallo studio, la vendita delle auto elettriche toccherà quota 41 milioni di modelli nel 2040, rappresentando il 35% della vendita globale di auto nuove. Dati che migliorerebbero di oltre 90 volte le cifre attuali, visto che gli acquisti totali di vetture elettriche nel 2015 si sono attestati a 462mila unità.

L’Olanda ha già chiarito le sue intenzioni: aspetteremo ancora dieci anni per vedere se le sue strade saranno percorse unicamente da auto ecologiche e bici!

{ 1 comment… read it below or add one }

Veicoli elettrici Alkè maggio 20, 2016 alle 12:47 pm

Dovrebbe essere da esempio un po’ per tutti. Tutelare l’ambiente e l’aria che respiriamo è tutelare e proteggere noi stessi e i nostri figli!

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *