Mangiare l’alimento e anche il pacchetto: il packaging commestibile

di Chiara Greco del 4 aprile 2015

Se una volta si diceva “non buttare quella cartaccia per terra!”: oggi lo slogan pro-ambiente potrebbe essere perfezionato in “non buttare quel pacchetto, mangialo!“. L’ultima frontiera del consumo alimentare consapevole e green infatti, la produzione di alimenti che diventano tutt’uno con il proprio involucro, potrebbe essere ad una svolta.

Le stime sugli imballaggi alimentari, che rappresenterebbero circa il 50% in volume e il 30% in peso del prodotto alimentare acquistato e le cifre che segnalano come in Italia si produrrebbero 34 chilogrammi di rifiuti da imballaggio a testa ogni anno, sono importanti.

palline di gelato firmate Wiki Food

Palline di gelato firmate Wiki Food

Ecco perché, nonostante alcune siano ancora lontane dalla commercializzazione, le idee brillanti per produrre, consumare e smaltire meno rifiuti da imballaggio sarebbero ormai tante anche se non senza complicazioni.

palline di formaggio firmate Wiki Food

palline di formaggio firmate Wiki Food

C’è infatti chi polemizza sul fatto che una confezione abbia la fondamentale funzione di mantenere il cibo ben protetto da germi e polvere, salvaguardandone le proprietà nutritive per tutta la fliliera – dalla produzione cioè agli scaffali dei supermercati.

FOCUS: Eathouse, una casa–orto tutta da mangiare

Alimenti che possono essere ingeriti insieme al contenitore e promuovono comportamenti eco-friendly? Stoviglie per la tavola commestibili e bio-degradabili?

composizione packaging Tomorow Machine

composizione packaging Tomorow Machine

Sono sempre di più però i designer e le aziende che si danno da fare in questo senso, progettando alimenti ai limiti dell’immaginario con packaging davvero smart.

packaging smoothie Tomorrow Machine

packaging smoothie Tomorrow Machine

C’è ad esempio il gruppo di studenti e scienziati Wiki Foods, che, come spin-off al Wyss Institute di Harvard, ha creato cibi che si possono consumare all’interno di particolari membrane commestibili, che fungerebbero da involucro ricalcando però gusto e proprietà dell’alimento contenuto.

composizione packaging Tomorrow Machine a base di Agaragar

composizione packaging Tomorrow Machine a base di Agaragar

Perpeceuticals, azienda britannica, sarebbe invece in gara per realizzare pellicole ingeribili e anti-microbi per l’industria della carne.

bicchieri biodegradabili e mangiabili della start up Loliware

Loliware

Che dire poi di confezioni per alimenti che riproducono le sembianze dei frutti, di confezioni di riso che si possono sbucciare come mele o di succhi di frutta con contenitori a base di lampone? Non sarebbero fantascienza ma creazioni di una start up svedese, la Tomorrow Machine.

contenitore cibo Diane Bisson

contenitore cibo Diane Bisson

L’inventiva si spinge anche oltre con brillanti idee di creativi che sfidano le regole dettate finora dal più classico confezionamento alimentare, come la food designer Diane Bisson, che realizza contenitori per alimenti utilizzando i pomodori o Chelsea Briganti e Leagh Ann Tucker, le designers della startup statunitense Loliware che propongono un set di bicchieri bio-degradabili e commestibili, da mangiare, magari, dopo aver sorseggiato un buon cocktail.

contenitore cibo Diane Bisson

contenitore cibo Diane Bisson

Se la creatività non convince, almeno lato igiene, le motivazioni ambientali per incoraggiare un cambiamento in questa direzione sarebbero forti, visto che, da un’indagine Conai, emerge che ben il 34% delle 32 tonnellate di rifiuti che produciamo sarebbe fatta di imballaggi. Un buon motivo dunque per non scartare a priori queste idee.

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

*