Parigi e la lotta allo smog: via le auto dal lungo Senna!

di Alessia del 2 novembre 2012

Dopo una lunga battaglia con Nicolas Sarkozy, finalmente il sindaco di Parigi, Bertrand Delanoë è riuscito a lanciare il suo piano di bonifica dal traffico dell’intera zona sul lungo Senna.

Delanoë sta lavorando da tempo ad un progetto di decentramento dell’utilizzo dell’automobile, incentivando l’uso dei mezzi pubblici, ampliando le piste ciclabili e sviluppando le potenzialità della condivisione di bici e auto elettriche.

SCOPRI ANCHE: Parigi: alla scoperta della Promenade Plantée

Il progetto ambizioso è stato avviato con l’obiettivo di valorizzare le sponde del fiume, già riconosciute dall’Unesco come patrimonio mondiale dell’umanità. Negli ultimi anni sono state anche allestite piccole spiagge con tanto di sabbia, palme e ombrelloni dove potersi rilassare d’estate.

Da tempo purtroppo i lungo Senna erano stati trasformati in vie a scorrimento veloce ed i parigini hanno assistito alla rapida diffusione di auto e traffico in una delle zone più maestose della capitale francese. Adesso il sindaco vuole invertire la rotta: dalle prossime settimane sulla riva destra verranno impiantati semafori per l’attraversamento pedonale, si ridurrà il limite di velocità e verranno realizzati corridoi pedonali e piste ciclabili, mentre sulle chiatte galleggianti si allestiranno bar e caffé.

GUARDA ANCHE QUESTA: Piantagioni di banane nel centro di Parigi? Una follia eco-sostenibile

Il nuovo 'lungo Senna' nella zona di Solferino

Sulla riva sinistra invece, il tratto tra il Museo d’Orsay e il ponte dell’Alma, verrà completamente chiuso al traffico e si sta pensando di realizzare un grande parco con campi da pallavolo e giardini galleggianti.

Si tratta di un grande passo per la riqualificazione della città ma non dimentichiamo di sottolineare come tutto questo sia stato possibile solo grazie ad una vera e propria educazione alla sostenibilità, che vede coinvolte autorità politiche e cittadini.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *