Pesticidi neonicotinoidi dannosi per api ma anche per gli uccelli

di Erika Facciolla del 3 ottobre 2013

Non solo api e insetti impollinatori, ma anche diverse specie di uccelli sarebbero vittima dei  micidiali neonicotinoidi presenti nei pesticidi utilizzati in Europa e nel resto del Mondo. È questo l’allarme lanciato da Greenpeace che recentemente ha ribadito l’importanza di mettere al bando queste sostanze chimiche già responsabili del preoccupante calo delle api nel Vecchio Continente e in Nord America.

Dopo la campagna in difesa della api, infatti, Greenpeace ha diffuso i risultati di uno studio scientifico commissionato all’American Bird Conservancy che ha analizzato l’impatto dei pesticidi neonicotinoidi su tutta la catena alimentare.

I risultati sono a dir poco allarmanti: i neonicotinoidi, infatti, risulterebbero altamente tossici, persistenti e solubili soprattutto negli ecosistemi acquatici, con evidenti ripercussioni sulla salubrità dei terreni e su tutta la fauna, vertebrata e non, che si nutre degli organismi presenti nell’acqua.

SCORPI PERCHE’ LE API SONO IMPORTANTI: Cosa si potrebbe comprare al supermercato se non ci fossero le api

Oltre gli insetti responsabili dell’impollinazione, dunque, anche gli uccelli e i piccoli mammiferi risulterebbero danneggiati da questa contaminazione; secondo il rapporto, infatti, un solo chicco di mais tossico sarebbe in grado di uccidere un piccolo uccello o causare malattie negli esemplari più grandi. E il rischio è praticamente inevitabile visto che la principale causa dell’inquinamento da neonicotinoidi dei terreni agricoli è causato proprio dalla contaminazione degli ambienti acquatici causata dagli scarichi agricoli.

Urge dunque la messa al bando di queste sostanze e l’appoggio di tutti i paesi europei alla proposta dello scorso 15 marzo di rendere illegali l’utilizzo dei neonicotinoidi in agricoltura, soprattutto per quanto riguarda il trattamento delle sementi.

A ciò, sottolinea Greenpeace, dovrà aggiungersi un  adeguato piano di finanziamento per la ricerca e l’applicazione di pratiche agricole alternative e sicure su larga scala.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *