Pista ciclabile intelligente: allo studio in Olanda un tratto sperimentale

di Erika Facciolla del 14 novembre 2013

In fatto di mobilità sostenibile, si sa, l’Olanda non è seconda a nessuno, specie se si parla di piste ciclabili. Quella che si appresta a sperimentare la città di Eindhoven, però, rappresenta una vera e propria avanguardia sul tema poiché diventerebbe la prima pista ciclabile interattiva, dotata di tutte le tecnologie più sofisticate e futuristiche finora applicate solo alle cosiddette ‘smart highway’ (autostrade intelligenti).

Il progetto nasce dalla collaborazione del comune della città olandese con lo studio di architettura Roosengaard e riguarda solo 600 metri di una pista che ripercorre i luoghi in cui è nato e vissuto Van Gogh tra il 1883 e il 1885. Come dire, il connubio perfetto tra arte e avanguardia tecnologica perfettamente sintetizzato in un percorso ciclabile dal design interattivo pronto a diventare una delle principali attrazioni turistiche del luogo.

QUESTE LE CONOSCEVI? Olanda: largo alle piste ciclabili riscaldate

Il progetto è tuttora in fase di realizzazione e dovrebbe essere pronto entro il 2014. Sorprendenti alcune delle anticipazioni: la pista, infatti, sarà dotata di una segnaletica luminosa orizzontale e fornirà informazioni utili sullo stato del manto stradale, la sua scivolosità e l’eventuale presenza di ghiaccio o neve.

Per l’illuminazione, l’ipotesi più accreditata è che venga realizzata tramite pietre luminescenti (‘light stone’) caricate dalla luce solare e perfette per amplificare la dimensione ‘poetica’ ed evocativa che i creatori del progetto desiderano conferire all’intero percorso (anche di notte).

SCOPRI ANCHE: SolaRoad, un progetto olandese di autostrada solare per produrre energia

Un percorso che si trasforma in un’esperienza multisensoriale che ripercorre le tappe più significative della vita di Van Gogh, le sue opere e mostra le immagini più rappresentative della sua carriera.

La prima autostrada intelligente per biciclette comincia, dunque, a prendere forma e – vista la fama dei suoi promotori – c’è da scommettere che sarà un grandissimo successo.

LEGGI ANCHE: L’incubo del ciclista esiste. E’ in Olanda!

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *