Popò di cane in cambio di wi-fi? Succede in Messico

di Sara Tagliente del 18 febbraio 2013

Quando si va a fare una passeggiata, portarsi dietro l’occorrente per i bisogni del proprio cane e raccoglierne le deiezioni è segno di civiltà. Ma, come in tutte le situazioni di questo tipo, un minimo di incentivo funziona sempre. E in Messico, alla cacca di cane corrisponde un ottimo premio: connessione wi-fi, veloce ed efficiente.

Con una campagna molto giovane e spiritosa infatti Terra, la società che si occupa in Messico della diffusione del wi-fi per i luoghi pubblici, ha deciso di operare questo scambio: più cacca si raccoglie e deposita, più si può godere a lungo della connessione wi-fi.

SCOPRI QUESTA IDEA GIAPPONESE: La moto che va a… popò!

Per ogni deposito, quindi, da apporre nel contenitore – opportunamente adattato – e presente nelle zone che funzionano con questa nuova campagna di scambio, ci si può rilassare al sole consultando la propria mail mentre si porta il cane a passeggio. Il primo effetto ottenuto è la pulizia: i padroni sono ben più attenti a raccogliere la popò e a toglierla dal parco.

Ma l’effetto più importante è proprio la popò del cane. La società ha in progetto di utilizzare gli escrementi per produrre metano o comunque riutilizzarne la raccolta per convertirla in energia.

CHE BELLA IDEA: Le postazioni wi-fi di Parigi saranno isolette verdi e fiorite

Il circolo virtuoso, quindi, diventerebbe notevole: parchi puliti, incentivi per i padroni dei cani a raccoglierela popò, diffusione del wi-fi e conversione in energia.

Come raggiungere il miglior risultato partendo… dal basso!!

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *