Portulaca: proprietà, benefici e ricette

di Elle del 21 agosto 2016

La portulaca è un’erba dalle origini antiche e spontaneamente diffusa in molte regioni italiane. Scopriamone le proprietà e i benefici per l’organismo.

La portulaca (nome scientifico Portulaca oleracea) è una pianta erbacea diffusa in varie regioni italiane e conosciuta con nomi diversi: porcellana, erba grassa, purcacchia o barzellana, solo per citarne alcuni.

Questa pianta, nota fin dall’antichità per le sue virtù terapeutiche, è oggi sottovalutata; essa cresce come erba spontanea e viene considerata infestante per la sua diffusione in giardini e orti.

La portulaca è un erba spontanea diffusa in orti e giardini

La portulaca è un erba spontanea diffusa in orti e giardini

Portulaca: proprietà

Le proprietà diuretiche, depurative, dissetanti e anti-diabetiche di questa preziosa pianta sono riconducibili alla sua composizione nutrizionale. Ricca di omega 3, acidi grassi polinsaturi che svolgono un’azione benefica per il nostro organismo, questa fonte vegetale è adatta per introdurre tali sostanze se si segue una dieta vegetariana o vegana.

Grazie all’elevata concentrazione di omega 3 e di acido alfa-linolenico, il consumo di questa pianta contribuisce a ridurre il colesterolo cattivo (LDL) e i trigliceridi, contrastando così potenziali patologie a carico dell’apparato cardiovascolare.

Buona è anche la quantità di vitamina C, contenuta nelle foglie, come di altre vitamine, soprattutto dei gruppi A e B; si riscontra anche la presenza di sali minerali, in particolare ferro, potassio, magnesio, fosforo, zinco, selenio e calcio.

Questa pianta viene utilizzata anche come rimedio naturale per contrastare disturbi come diarrea e vomito; con impacchi realizzati con le foglie si possono trattare eczemi, dermatiti e punture di insetti.

Portulaca: ricette

dsc_47031

Usi in cucina

In cucina si possono consumare soprattutto le foglie e i rami più teneri, utilizzati crudi in aggiunta a insalate miste o in accompagnamento ad altre verdure o ortaggi.

La parte commestibile di questa pianta si può, inoltre, aggiungere a zuppe o minestre, oppure usarla come ingrediente per arricchire di gusto frittate o come condimento per la pasta. A questo proposito, vi suggeriamo un’idea semplice e veloce per utilizzare in cucina questa pianta.

Gnocchetti alla portulaca

INGREDIENTI (per 4 persone):

  • 400 g di portulaca (già pulita, lavata e ben scolata)
  • 200 g di patate (lessate e private della buccia)
  • 200 g di farina
  • 1 uovo
  • olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale

PREPARAZIONE

Preparate innanzitutto questa preziosa erba: passatela in padella con un filo di olio e lasciatela cuocere per circa 5 minuti; poi scolatela bene, per eliminare il liquido rilasciato, e raccogliete la polpa con l’impiego del passatutto. Versatela in una ciotola capiente e aggiungete le patate lessate e un pizzico di sale; amalgamate il tutto, unendo l’uovo e la farina, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo.

Realizzate dei bastoncini dall’impasto così ricavato e, tagliandoli, preparate gli gnocchetti; a questo punto, potete procedere con la cottura in acqua salata. Dopo aver scolato gli gnocchetti (basteranno pochi minuti perché salgano a galla), ripassateli in padella aggiungendo un condimento a vostra scelta (un semplice sugo al pomodoro e basilico potrà esaltare il sapore di questo piatto).

Eccovi altri articoli sul mondo delle erbe che vi consigliamo di leggere:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *