PowerPot, per cucinare e ricaricare i propri apparecchi elettronici in un sol colpo!

di Claudio Riccardi del 13 marzo 2013

Scaldando l’acqua in una pentola, si può anche generare energia elettrica utile per ricaricare una lampadina, uno smartphone, un tablet o un qualsiasi altro dispositivo elettronico. Una comodità non da poco in tutte quelle situazioni di off grid, ovvero dove non è presente la copertura della rete elettrica: in campeggio, in montagna, durante un’escursione, sulla spiaggia o in una qualasiasi situazione di emergenza.

Il prodotto artefice del miracolo si chiama PowerPot, arriva dagli Stati Uniti, e si può acquistare sul web a un prezzo di 149 dollari (circa 113 euro).

SE NE POTEVA FARE A MENO! Ecco 6 eco-gadget idioti

Il principio di funzionamento è semplice. Basta riempire d’acqua la pentola fornita in dotazione, posizionarla sopra un comune fornelletto da viaggio e chiuderla con il coperchio. Alla pentola è collegato un trasduttore differenziale termo-elettrico che permette di convertire il calore prodotto dal riscaldamento dell’acqua in energia elettrica.

SCOPRI QUESTI: 6 eco-gadget per i viaggi in aereo

Il trasduttore è a sua volta collegato ad un cavo elettrico e ad un accumulatore, così da rendere disponibile per l’uso una corrente da 5 Watt.  Non appena la maniglia presente sulla pentola si colora di verde, possiamo attaccare i nostri apparecchi elettrici o elettronici tramite presa o cavetto USB.

UN’ALTRO ECO-GADGET: E’ lanterna, contenitore e bottiglietta: LightCap.

La pentola “magica” PowerPot si può arricchire di vari accessori, come lampade da fronte, luci a LED, batterie al litio, un pratico fornello e un sistema per la purificazione dell’acqua. Il tutto alimentabile semplicemente con l’acqua che bolle nella pentola. Poi possiamo farci un bel té per rilassarci…

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *