Sbarca in Brasile il primo fast food vegano in Sud America

di Erika Facciolla del 21 luglio 2014

L’evoluzione naturale dei moderni fast-food non poteva che essere proposta in salsa vegana. Se nel mondo, infatti, i ristoranti in tema continuano a spuntare come funghi, l’idea di aprire il primo, autenticovegan fast food è venuta ad un brasiliano di origini italiane, Rodrigo Bragaglia, che lo scorso 5 giugno, a Porto Alegre, ha inaugurato il B Burger<, il primo fast food 100% vegan del Brasile e uno dei pochi presenti in tutto il Sud America.

Leggi anche: Maoz: la catena di fast food vegetariani con il falafel al posto dell’ humburger

Vegetariano da oltre dieci anni e vegano da quattro, Rodrigo Bragaglia ha iniziato a coltivare il sogno di aprire il primo fast food vegano in Sud America durante la sua permanenza a Montevideo, dove lavorava come fotografo condividendo un appartamento con un collega anch’esso vegano.

Fin dal principio, l’obiettivo non era solo quello di offrire a vegani e vegetariani un alternativa gastronomica pratica, economica e di qualità, ma soprattutto promuovere e sviluppare un concetto di ristorazione altamente sostenibile, a basso impatto ambientale e rispettoso degli animali.

Lo sapevi? Anche la Spagna si converte ai fast food per i vegetariani

Il B Burger, infatti, offre i tradizionali piatti dei fast food reinterpretati in chiave vegana e salutista. I cibi non sono fritti ma cotti lentamente al forno o al vapore e tutti i packaging utilizzati sono realizzati in materiale biodegradabile.

I piatti forti di questo estroso locale sono i burger di soia, ceci e fagioli, i falafel, i ricchi menu di verdure, le birre, il the, i succhi di frutta e le spremute 100% naturali. Cibo delizioso, sano e cruelty free, insomma, servito in un’atmosfera rilassata e informale e in uno spazio dall’arredamento estroso dove è possibile ammirare anche alcuni dei migliori scatti di Rodrigo che testimoniano – semmai ce ne fosse bisogno – il grande impegno del fotografo per la causa animalista.

Lo conosoci questo? Picnic, un vegan-fast-food anche a Buenos Aires 

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *