Prodotti naturali per il bagnetto del neonato

di Elle del 10 aprile 2014

La tipica morbidezza della pelle dei più piccoli va salvaguardata attraverso un‘igiene accurata ma non eccessiva. Utilizzare sostanze delicate per il contatto con la pelle dei neonati è indispensabile per evitare irritazioni, arrossamenti o alterazioni del loro PH fisiologico. Il dermatologo vi può dire che il bébé ha bisogno di pochi prodotti per la pelle e di pochi bagnetti! Quindi, andateci piano con le abluzioni del neonato…

LEGGI ANCHE: Mini-guida ai pannolini lavabili per bambini

Quando si scelgono i prodotti per il bagnetto, allora, occorre prestare particolare attenzione all’Inci (International nomenclature of cosmetic ingredients) per riconoscere gli ingredienti presenti in maggiore quantità (ovvero quelli che compaiono per primi) e distinguere le sostanze chimiche e potenzialmente dannose da quelle naturali.

Bisogna infatti, cercare di evitare creme o lozioni in cui siano contenuti derivati del petrolio (paraffine, petrolati e siliconi), che idratano la cute del neonato solo in superficie perché stendono un ‘film morbido’ (un po’ come gli ammorbidenti sui capi di biancheria) e in realtà, dopo poco causano l’effetto contrario: la seccano.

E pure le salviette mono-uso sono un concentrato di sostanze chimiche che non faranno bene alla pelle del piccolino. Meglio della semplice acqua.

POTREBBE INTERESSARTI: Consigli per proteggere la pelle dal freddo in modo naturale

Meglio preferire la scelta di cosmetici naturali, facendo comunque prima dei piccoli ‘test’ su zone limitate della pelle del bambino per evitare arrossamenti o eventuali reazioni allergiche.

Per fare il bagnetto sono consigliabili lamido di riso e la crusca con il loro effetto rinfrescante. Potete preparare un bagnetto con 1 cucchiao di amido di mais o amido di riso e 1 cucchiaio di sale integrale. L’amido deterge delicatamente la pelle del bambino, il sale ripristina i sali minerali persi durante l’immersione.

Invece, per idratare e nutrire l’epidermide dopo la detersione, si può prediligere l’uso dell’olio di mandorle dolci biologico (da conservare in frigo), utile anche per effettuare massaggi o facilitare l’eliminazione della crosta lattea con l’ausilio di un pettine dai denti arrotondati.

Le proprietà lenitive della calendula la rendono ottima per preparare una crema da applicare sulla pelle arrossata o irritata dei piccoli. Mentre il burro di karité e della pasta all’ossido di zinco possono lenire gli arrossamenti da pannolino e le piccole dermatiti del neonato, e si stendono dopo il bagnetto. Evitate di spargere talco, come si faceva una volta, perché in realtà chiude i pori.

ECCO QUI TUTTI I… Rimedi naturali contro i pidocchi

L’indicazione di massima per soddisfare le esigenze igieniche dei neonati consiste nel prediligere cosmetici che contengano ingredienti vegetali e privi di profumazioni e coloranti sintetici (nelle etichette sono riconoscibili con CI seguito dal numero che li identifica). Questo anche nell’ottica che gli odori preferiti dal nostro bébé sono quelli di mamma e papà, e coprirli con profumazioni artificiali non fa piacere né a lui né alla sua pelle.

{ 1 comment… read it below or add one }

Erboristeria vendita online aprile 29, 2014 alle 10:08 am

A mio parere solo prodotti naturali sono adatti per la cura del bambino.

Rispondi

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *