Griffonia, proprietà e utilizzi comuni

by Erika Facciolla on 23 maggio 2016

Scopriamo tutte le proprietà e gli utilizzi in fitoterapia di una pianta poco conosciuta, la griffonia, assai efficace per gli stati d’ansia e la depressione, e senza causare dipendenza.

Le sue infiorescenze a grappolo dall’inconfondibile colore verdognolo e i baccelli entro cui sono rinchiusi i semi nerissimi, fanno della griffonia (griffonia simplicifolia) una pianta conosciuta in molti paesi del Mondo con il nome di ‘fagiolo africano’, proprio per ricordare la tipica forma discoidale dei semi che essa produce.

Si tratta di una pianta arbustiva legnosa originaria delle regioni tropicali dell’Africa, capace di raggiungere i tre metri di altezza e diffusissima soprattutto in Ghana, Togo e Costa D’Avorio.

Scopri anche: Rimedi naturali per l’ansia: antistress naturale

La storia della griffonia

La tradizione africana ne utilizza da secoli la corteccia e la radice come stecca masticabile, le foglie per guarire le ferite, il succo per la cura dei disturbi renali, il decotto delle foglie per attenuare gli spasmi del vomito, la poltiglia ottenuta dalla macerazione della corteccia per sigillare e cicatrizzare le ferite.

Una pianta molto importante, dunque, ancora più utilizzata anche in farmacologia e fitoterapia a partire dagli anni ’80 quando vennero scoperte le sue proprietà di antidepressivo naturale.

griffonia simplicifolia

Scopriamo le proprietà della griffonia

Griffonia proprietà

Sono i semi nei bacelli della griffonia a contenere i principi attivi più importanti nella fitoterapia: una notevole quantità del cosiddetto 5-HTP, vale a dire 5-idrossidi-triptofano, un sintetizzatore naturale della serotonina che è l’ormone che nel nostro organismo agisce da stabilizzatore dell’umore, del sonno e dell’appetito. Questi semi sono infatti ricchi di triptofano, l’aminoacido precursore della serotonina, un neurotrasmettitore dedicato all’umore.

L’uso di triptofano di sintesi per la depressione e l’insonnia è stato vietato dalla FDA negli anni ’80 a causa di casi di gravi reazioni, per questo sono state utilizzati principi attivi di origine vegetale, e la griffonia è diventata una delle piante più utilizzate nella fitoterapia occidentale.

Curiosità: i cibi più ricchi di triptofano sono in genere i prodotti caseari ed i latticini, seguiti dalle carni. Ma non si preoccupino i vegetariani, dato che anche il latte di soia ne contiene, come pure l’altro derivato dalla soia, il tofu, nonché legumi come ceci, lenticchie, fagioli, le lenticchie ed i ceci, noci e semi oleosi, cereali integrali e diversi tipi di frutta (banane in primis).

È per questo che attraverso l’assunzione della griffonia (come di altri antidepressivi naturali, quali la malva, il ginseng e l’iperico) è possibile aumentare i livelli di serotonina presenti nel corpo e combattere stati depressivi, di ansia, disturbi alimentari, insonnia, fame nervosa.

griffonia semi

Semi di griffonia

Come usare la griffonia

Va sottolineato come questa pianta debba essere assunta sotto controllo medico. Generalmente l’uso consigliato è quello di 2 compresse o capsule al giorno da 300 o 600 mg di estratto secco della pianta, lontano dai pasti.
Diversi studi hanno dimostrato che l‘estratto dei semi è efficace nei disturbi del sonno e in caso di depressione, stati d’ansia e alterazione dell’umore.

La griffonia sembra efficace anche nei casi di ‘fame nervosa’, specie riguardo agli zuccheri semplici contenuti nei dolci.

Inoltre anche a dosi elevate, il principio attivo della griffonia non ha dato controindicazioni, e soprattutto, non evidenzia assuefazione e dipendenza.
Può essere associata ad altre piante ad azione rilassante come la melissa, la passiflora e l’iperico.

Ecco anche alcuni prodotti che potete trovare online:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *