Quante onde elettromagnetiche girano intorno al mio letto? Me lo dice una app

di Martina Pugno del 10 maggio 2013

Non tutto ciò che è potenzialmente dannoso è anche visibile: è il caso delle onde elettromagnetiche, emesse anche dagli apparecchi tecnologici che ci accompagnano nella vita di tutti i giorni. Sapere quante onde elettromagnetiche sono presenti nel luogo nel quale ci si trova sarà possibile prossimamente grazie ad una semplice app per smartphone, Mr Ghost.

L’applicazione sfrutta un rilevatore di onde elettromagnetiche che può essere collegato direttamente al jack per le cuffie dello smartphone e, puntato verso gli elettrodomestici o i dispositivi interessati, permette di identificare la quantità di onde elettromagnetiche da esso emesse.

In questo modo sarà possibile rendersi effettivamente conto del campo elettromagnetico creato da strumenti in funzione o lasciati in stand by, ai quali raramente facciamo caso o che si dimenticano accesi con facilità, non producendo particolari rumori.

SPECIALE: Electromagnetic Harvester: il raccogli energia che ricarica le batterie grazie all’elettromagnetismo che ci circonda

Mr Ghost rivela quindi l’energia emessa da apparecchi apparentemente inermi, stimolando anche la riflessione sull’utilizzo invasivo di mezzi elettronici nella vita di tutti i giorni, dei quali sembra sempre più difficile poter fare a meno.

Mr Ghost

Una schermata dell’app

Con Mr Ghost sarà possibile individuare gli strumenti da spegnere o spostare in modo che siano lontani dal letto o dalla stanza dei bambini, per un ambiente il più possibile salubre e privo di rischi.

Mr Ghost, assicura il creatore Aaron Rasmussen, è in grado di identificare i campi elettromagnetici prodotti da qualsiasi sorgente: anche da eventuali fantasmi, se volete provare a lanciarvi nella ricerca e trasformarvi in moderni “ghost busters”, armati di smartphone e della colorata antenna di Mr Ghost.

E il prezzo? Non è ancora noto, ma il prototipo è pronto e funzionante ed il progetto è stato finanziato con successo grazie alla piattaforma di crowdfunding (finanziamento diffuso) Kickstarter: non ci resta dunque che aspettare…

Approfondisci anche con questi articoli:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *