Riciclo creativo della cenere del camino

di Elle del 3 gennaio 2014

Riutilizzare i prodotti di scarto rappresenta una buona pratica per chi si sforza di essere il più possibile eco-friendly nella vita quotidiana. Chi possiede un camino, ad esempio, forse non conosce le molteplici possibilità di riciclo della cenere.

Una prima destinazione d’uso riguarda l’ambito del giardinaggio dal momento che la cenere costituisce un ottimo fertilizzante agricolo; anche in ambito domestico può essere impiegata in aggiunta al compost o usata nell’aiuola.

VAI A: Stufa a pellet, a legna, a biomassa, come- scegliere la stufa più eco-sostenibile

La cenere rappresenta inoltre un ottimo rimedio antigelo: può essere cosparsa sui vialetti o sulle strade in alternativa a sabbia o sale oppure intorno alle ruote per favorire la trazione degli autoveicoli durante i freddi periodo invernali.

I nostri nonni conoscono bene anche il notevole potere detergente e sgrassante della cenere: può essere mescolata all’acqua di cottura della pasta ed impiegata come detergente naturale per pulire il barbecue, rimuovere i residui di grasso dalle casseruole e pulire le pentole in acciaio inox o le padelle antiaderenti senza lasciare graffi, pulire le zone annerite del forno o le stesso camino dai residui di carbone.

LEGGI ANCHE: Dalla cenere nasce un albero, ecco l’urna Bios

La cenere del camino, applicata su un panno umido, è in grado di svolgere anche una notevole azione anticalcare eliminando le incrostazioni e donando nuova lucentezza; con acqua e bicarbonato di sodio, invece, è un ottimo prodotto per lucidare l’argenteria.

Questo prodotto di scarto può ulteriormente essere usato per le sue proprietà antiodore, soprattutto al fine di neutralizzare odori sgradevoli dovuti all’umidità o alla presenza di piccoli animali domestici in casa.

Infine, la cenere costituisce un ingrediente essenziale per la preparazione di un sapone fatto in casa.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *