Diabete rimedi naturali per limitarne i disturbi

by Erika Facciolla on 3 maggio 2016

Diabete rimedi naturali per limitare i disturbi e le complicazioni indotte da questa patologia molto diffusa sia tra adulti che bambini. Vediamo insieme di cosa si tratta e quali sono i benefici connessi al trattamento naturale, sempre da affiancare alle cure tradizionali della scienza medica.

Il diabete è una malattia del sistema endocrino provocata da un eccessivo livello di zuccheri nel sangue (iperglicemia) e da una riduzione della quantità di insulina prodotta dal pancreas. Benché incurabile ma solo parzialmente arginabile con una corretta alimentazione, uno stile di vita sano e una terapia farmacologica adeguata, si può affrontare anche con l’aiuto di rimedi naturali per il diabete da affiancare comunque ai trattamenti tradizionali e a regolari consulti medici.

Quando si parla di rimedi naturali per il diabete è bene ricordare che si tratta di una malattia grave che può sfociare in complicanze ancora più serie (arteriosclerosi, retinopatia, glomerulopatia) soprattutto a carico dell’apparato circolatorio e come tale deve essere affrontata sotto la guida di uno specialista, che seguirà passo passo il paziente. Dunque, occorre sapere che i rimedi naturali per il diabete che descriveremo in questa guida NON costituiscono una cura alternativa a quella tradizionale ma un aiuto per convivere al meglio con la malattia. Il consiglio, dunque, è di affidarsi al proprio medico curante e di non prendere iniziative che potrebbero compromettere l’efficacia del trattamento farmacologico adottato.

diabete

Diabete rimedi naturali che affiancano le cure mediche tradizionali aiutano a migliorare la qualità della vita e limitano i sintomi

Leggi anche: Fibre toccasana diabete e malattie cardiovascolari

Nel trattamento e nella prevenzione (specie per i soggetti a rischio) del diabete il punto di partenza è senza dubbio l’adozione di una corretta alimentazione: è necessario moderare il consumo di carboidrati, zuccheri semplici,  evitare il sovrappeso, eliminare il consumo di alcol e limitare quello di sale. I soggetti predisposti ad iperglicemia e i diabetici dovrebbero aumentare l’apporto di fibre e privilegiare il consumo di cereali integrali, frutta e verdura, uova, pesce e carni bianche per bilanciare l’apporto proteico. Fondamentale è anche l’attività fisica che favorisce il corretto funzionamento dell’apparato cardiovascolare e migliora le funzionalità metaboliche.

Rimedi naturali per il diabete: le piante officinali

In natura esistono molte piante medicinali dai principi attivi particolarmente adatti al trattamento del diabete che si possono assumere sotto forma di capsule, tisane e tinture. Il consumo regolare di queste piante – abbinato ad un regime alimentare adeguato – sembra avere un effetto ipoglicemizzante, depurativo e antiossidante sull’organismo, a patto di porre molta attenzione agli effetti indesiderati e alle possibili interazioni con altri farmaci, ragion per cui è sempre opportuno sentire il parere del medico curante. Le piante officinali di seguito descritte sono annoverate tra i rimedi naturali per il diabete poiché attive sul sistema glucidico:

  • Eucalipto (Eucaliptus globulus): i polifenoli e i tannini  presenti nelle foglie di eucalipto sembrano svolgere un’azione ipoglicemizzante e antiossidante.
  • Mirto (Myrtus communis): è un inibitore naturale dell’alfa-glucosidasi; ciò vuol dire che è in grado di contrastare  l’azione dell’enzima intestinale che – trasformando gli zuccheri da complessi a semplici – permette l’assorbimento intestinale del glucosio.
  • Sambuco (Sambucus nigra): le sue infiorescenze contengono terpenoidi e fitosterli che sembrano svolgere un’azione insulino-stimolante sul pancreas.
  • Galega (Galea Officinalis): le proprietà riconosciute a questa pianta officinale sono galattogene (aumentano la produzione di latte) e ipoglicemizzanti. Si utilizzano i semi di galega come droga perché ricchi di galegina, un alcaloide ipoglicemizzante che inibisce la produzione di glucagone e aumenta la sensibilità dei tessuti periferici all’azione dell’insulina. Va usata sotto stretto controllo medico. Consumata crudo, inoltre, può essere tossica.
  • Opunzia (Opuntia streptacantha): i suoi tessuti spugnosi sono ricchi di polisaccaridi ai quali si attribuiscono le principali proprietà terapeutiche applicabili al trattamento del diabete.
  • Ginseng americano (Panax quinquefolius): data la presenza di polisaccaridi e ginsenosidi, il ginseng americano riduce l’assorbimento dei carboidrati, favorisce il rilascio di insulina ed aumenta la captazione tissutale del glucosio.
galega

Diabete rimedi naturali: anche la pianta di galega è un aiuto erboristico perchè inibisce la produzione di glucagone e aumenta la sensibilità dei tessuti periferici all’azione dell’insulina

Potrebbe interessarti anche come… Curare le allergie in modo naturale

Rimedi naturali per il diabete: la tisanta anti-diabete

Sebbene non costituiscano una cura ma solo un aiuto naturale per prevenire l’insorgere del diabete e gli effetti delle forme meno gravi di questa patologia, le tisane possono rappresentare una buona abitudine quotidiana. Ecco una ricetta per preparare una tisana contro il diabete buona e naturale a base di mirtillo, noce, galega e finocchio. Ingredienti:

  • 30 gr di mirtillo (vaccinium myrtillus, foglie)
  • 30 gr di noce (juglans regia, foglie)
  • 30 gr di galega (galega officinalis, semi)
  • 10 gr di finocchio (foeniculum valgare, frutti o semi)

Preparazione. Preparare un infuso, filtrate e bevetene una tazza per 3 volte al giorno. Grazie alle spiccate proprietà anti-ossidati del mirtillo, la tisana sarà utile anche per prevenire i danni vascolari associati al diabete. Il finocchio, sebbene non considerato tra i rimedi naturali per il diabete, è ricco di un olio essenziale che conferisce un sapore e un aroma molto più gradevole all’infuso e svolge una blanda azione antispastica sull’intestino.  Questa tisana non presenta particolari controindicazioni, ma bisogna fare attenzione all’interazione con altri farmaci antidiabetici e all’ipersensibilità accertata verso i suoi principi attivi.

Immagine via Shutterstock

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *