Shamengo, un progetto francese per dare voce alla creatività ambientale

di Claudio Riccardi del 26 agosto 2013

Attraverso il web, in Francia ha preso forma un punto d’incontro per esperienze, progetti, idee, informazioni finalizzate a dare sbocchi concreti a tutti coloro vogliono fare qualcosa per un mondo migliore. Scopo di Shamengo, questo il nome di questo laboratorio virtuale, è infati quello di sfruttare il talento umano, le competenze e la tecnologia per cercare di migliorare la vita nel mondo, in favore di un’economia sociale, solidale e rispettosa dell’ambiente.

Dare visibilità ai 1000 pionieri che con le loro nuove idee e realizzazioni stanno facendo qualcosa per rendere migliore il nostro mondo.

Il progetto ha preso avvio per iniziativa di una reporter francese, Catherine Berthillier, che dopo aver girato il mondo per raccontare i segreti poco edificanti dell’economia globale e degli scacchieri geo-politici, ha deciso di varcare la barricata ed intraprendere un impegno attivo per la causa.

SCOPRI ANCHE: Bimbo di 10 anni lancia il suo business del riciclo per aiutare gli homeless

Come? Circondandosi di persone pronte a lottare per la salvaguardia della natura, per la difesa dei popoli più deboli, ma anche e soprattutto inventori, ricercatori, scienziati, con in serbo idee e soluzioni pratiche: per esempio, tramite Shamengo hanno preso forma cucine ecologiche con forno solare, pannelli solari flessibili, oppure lo specchio solare di Viganella, studiato per portare la luce naturale in un paese che normalmente rimane al buio da Novembre a Febbraio. Un’opera firmata, in questo caso, da due “pionieri” italiani, Pierfranco Midali e Giacomo Bonzani.

Bravi i nostri connazionali, e come loro tutti gli altri 1000 interpreti che in poco tempo hanno deciso di aderire a questo “spartito”.

Ma Shamengo non ha alcuna intenzione di fermarsi: le sue porte sono sempre aperte, a nuove persone e nuove iniziative.

Noi intanto vi invitiamo a scoprirlo qui: sito ufficiale

Forse ti potrebbe interessare anche: