Singapore progetta un impianto solare galleggiante

di Erika Facciolla del 20 luglio 2014

Nel futuro di Singapore potrebbe diventare esserci addirittura un impianto solare galleggiante: è quanto emerge dal progetto presentato dalla Public Utilities Board – l’agenzia che gestisce la rete idrica del Paese – impegnata dal 2011 nella realizzazione di una solar farm posizionata sul Tengeh Reservoir, uno dei 4 bacini di Singapore.

Così, mentre nel Vecchio Continente ferve ancora il dibattito sul fotovoltaico a terra, la città-stato del sud-est asiatico si prepara al grande salto di qualità che consentirà di sfruttare le grandi distese d’acqua del suo arcipelago per catturare la luce del sole e trasformarla in energia per una popolazione e un’economia sempre più in crescita.

Scopri tutto su: Fotovoltaico galleggiante: basso impatto ambientale e migliore 

La capacità produttiva del futuristico impianto, infatti, arriverà a 3,3 GWh all’anno, che corrispondono più o meno al consumo annuo di 750 famiglie.

I primi pannelli solari verranno disposti su di una superficie di 3 ettari e la progettazione dell’impianto seguirà l’esempio del Floating Power Plant già realizzato in Giappone, un mega impianto fotovoltaico galleggiante dove le singole unità sono disposte a forma di esagono e contengono al loro interno potenti generatori eolici e fotovoltaici.

Quello che Singapore si appresta a compiere è un grande passo per il futuro energetico ed economico della città-stato che come altri paesi non può contare su molte risorse e materie prime e per questo ha scommesso già da molto tempo sulle fonti energetiche rinnovabili.

Potrebbe interessarti: La prima fattoria verticale apre a Singapore

Il sistema fotovoltaico galleggiante del Tengeh Reservoir non sarà l’unico investimento profuso in tema di rinnovabili: un altro mega- impianto formato da pannelli solari da 1 MWp sta per essere realizzato sui tetti di Choa Chu Kang il quartier generale dove ha sede l’impianto destinato al trattamento delle acque del paese – e l’energia prodotta verrà utilizzata per alimentare il complesso sistema.

Notizie che fanno sorridere gli abitanti di Singapore, che finora hanno dovuto fare i conti con bollette energetiche e idriche davvero molto salate.

Leggi anche: Singapore e i 4 pilastri della gestione idrica

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *