Eco-vacanze in Tasmania

di Erika Facciolla del 27 giugno 2014

Conosciuta nel Mondo come la patria dei surfisti, degli avventurieri più intrepidi e del mitico ‘diavolo orsino’, la Tasmania è l’isola dell’arcipelago australiano più piccola ma al tempo stesso più selvaggia e incontaminata, uno dei luoghi dove la natura ha creato alcune delle spiagge più belle della Terra. E allora perché non pianificare un’eco-vacanze in Tasmania?

Proclamata Patrimonio Mondiale dall’Unesco per la vegetazione lussureggiante, la biodiversità marina e i grandi parchi naturali protetti, la Tasmania è raggiungibile solo via aereo da Melbourne, lontana quindi dalle rotte del turismo di massa. Anche per questo motivo, ha conservato nel corso degli anni la sua autenticità e perfino nei centri abitati e nei villaggi la vita quotidiana è scandita dai ritmi naturaliI farmer’s market in cui si possono comprare beni di prima necessità e generi alimentari, ad esempio, sono gestiti da coltivatori locali e piccoli produttori che offrono prodotti rigorosamente a ‘Km (in alcuni a cm) 0’.

Scopri anche altre mete per le tue eco-vacanze:

Sebbene il turismo sia un’attività economica molto importante per l’economica dell’isola, quello che vi consigliamo di fare una volta arrivati in Tasmania è affidarvi ad una guida locale e uscire dai tradizionali itinerari più battuti, andando alla scoperta della ‘vera’ Tasmania. Ecco 6 luoghi davvero imperdibili:

  • Donaghys Lookout. Una vista spettacolare sulle alture che sovrastano i fiumi Franklin e Collinwood, nella parte più occidentale dell’isola. Per raggiungere questo incredibile terrazzo naturale bisogna allontanarsi dalla città di Queentown e percorrere un sentiero di circa 3 km che si inerpica nel ventre più selvaggio e incontaminato della natura tasmaniana.
wineglass bay

Eco-vacanze in Tasmania: la Winegalss Bay

  • Mount Amos. Adatto agli scalatori provetti e agli appassionati di trekking in montagna, il sentiero che percorre in salita tutto il monte Amos (3 ore tra andata e ritorno) fino alla sua cima rocciosa, è particolarmente impegnativo. Certo, la fatica sarà ampiamente ripagata dalla splendida vista i cui godrete sulla Wineglass Bay.
  • Spray Tunnel. Curioso il nome e ancor più la storia di questa lunga galleria che un tempo era attraversata dai treni che trasportavano i minatori di collina in collina. Visitare questo luogo abbandonato, il cui ricordo è però ancora molto vivido nella memoria degli abitanti del luogo, sarà come fare un tuffo nel passato.
faro

Eco-vacanze in Tasmania: il faro di Low Head

  • Low Head. Non un semplice faro, ma ‘il faro’ più rappresentativo della Tasmania che nell’800 fungeva da guida per le navi australiane che si imbattevano nella fitta nebbia invernale che avvolge la costa settentrionale durante la stagione più fredda. Il segnale sonoro che la torre di controllo lanciava per avvertire le navi del pericolo, si può udire ancora oggi, puntuale, ogni domenica mattina…
bay of fires

La Bay of Fires

  • La foresta calcificata di King Island. È una delle foreste calcificate più antiche del mondo, tappa imperdibile per chi si trova in Tasmania in qualsiasi periodo dell’anno, specie in estate: questo luogo incredibile si trova all’interno della Seal Rock State Reserve, su un isolotto raggiungibile via mare, chiamato King Island. Appena arrivati nella foresta, lo spettacolo che vi si presenterà dinanzi agli occhi vi lascerà di stucco. Centinaia di tronchi di albero che fuoriescono dalla sabbia in un’area protetta vastissima.
foresta calcificata

Eco-vacanze in Tasmania: la foresta calcificata di King Island

  • Emu Valley Rhododendron Garden. Tra febbraio e agosto la Tasmania fa sfoggio di uno spettacolo floreale senza eguali: è quello offerto dalla Emu Valley Rhododendron Garden, vale a dire 11 ettari di rododendri di tutte le specie e provenienti da ogni angolo del globo visitabile dalle 9 alle 17. In una parola: straordinario!
great wilderness of Tasmania

Un sentiero dell’Emu Valley Rhododendron Garden

Oltre a questi percorsi ‘alternativi’, dellevere eco-vacanze in Tasmania non trascurano di visitare i mercatini di prodotti tipici e spezie locali e di acquistare una delle tante gemme grezze provenienti dalle cave dell’isola. Un piccolo portafortuna che – secondo le antiche leggende tasmaniane – vi terranno lontani dalla cattiva sorte e dalle malattie.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *