Tegole fotovoltaiche: il tetto che produce energia

di Viola Carmilla del 11 marzo 2017

Scopriamo insieme le caratteristiche ed i dettagli dei tetti realizzati con tegole fotovoltaiche.

Dopo i pannelli fotovoltaici da installare sul tetto o in giardino, arrivano le tegole fotovoltaiche, perfettamente integrate nella struttura dell’edificio, efficienti e soprattutto belle da vedere.

Il problema estetico è infatti uno dei fattori che hanno finora ostacolato la diffusione dell’energia solare in Italia, un paese ricco di borghi antichi e centri storici dove l’installazione dei pannelli solari è non solo antiestetica, ma spesso vietata dalla legge.

La tegola solare permette di ovviare a questo inconveniente. Già presente sul mercato da diversi anni, il prodotto si è infatti perfezionato e diversificato in modo da integrarsi sempre meglio nel paesaggio, vediamone insieme le caratteristiche.

Tegole fotovoltaiche: modelli e caratteristiche

Sono oggi disponibili sia tegole che coppi fotovoltaici.

Le tegole sono di fatto piccoli pannelli solari da applicare sulla parte piatta di ogni tegola o tra una tegola l’altra.

  • La differenza rispetto a un tetto tradizionale è percepibile ma siamo ben lontani dall’impatto estetico di una copertura costituita interamente da pannelli fotovoltaici.
  • Inoltre, l’installazione richiede un rifacimento solo parziale del tetto e la resa può essere molto elevata.
tegole fotovoltaiche

Le tegole fotovoltaiche presentate da Tesla rappresentano un’ulteriore evoluzione del settore: un vero e proprio tetto solare

I coppi solari rappresentano invece la vera novità.

  • Sono fatti esattamente come i coppi tradizionali, solo che sulla loro superficie è ricavato l’alloggiamento per un pannellino fotovoltaico.

I difetti rispetto alla tegola: costano di più, richiedono il totale rifacimento del tetto e ombreggiano parzialmente il pannello.

I vantaggi sono evidenti:

  • più belli e più simili ai tetti tradizionali, non hanno bisogno di installatori specializzati e danno diritto alla certificazione di “integrazione totale” del pannello nel tetto.

Questo significa che, nelle zone sottoposte a rigide normative in ambito paesaggistico, i coppi permettono di ottenere le necessarie autorizzazioni all’installazione con più facilità rispetto alle tegole.

Tegole fotovoltaiche: rivenditori e prezzi

L’offerta di tegole e coppi solari cresce a vista d’occhio e i produttori sono già un buon numero.

Ecco qui una lista di aziende produttrici che può tornare utile a chi è concretamente interessato.

I parametri utili a nostro avviso per operare una buona scelta sono i seguenti:

  • verificare che siano fatte in argille naturali
  • senza aggiunta di fanghi o additivi industriali
  • che siano provviste di pannellini solari sostituibili qualora la ricerca in ambito fotovoltaico dovesse portare a tecnologie sensibilmente più efficienti.
tegole fotovoltaiche

Alcuni modelli di tegole fotovoltaiche presentati da Tesla a fine 2016

Proprio una bella idea, specialmente per chi vive in case di centri storici o soggette  a vincoli architettonici o storici ma vuole abbracciare comunque le rinnovabili!

JOE/ Tegole fotovoltaiche di luci giardino di cristallo cubo via gelata
Prezzo:EUR 117,00
JOE/ Tegole fotovoltaiche di luci giardino di cristallo cubo via gelata

Prezzo:EUR 96,00

 

Tegole fotovoltaiche

Eccovi altri approfondimenti interessanti in tema di casa, riscaldamento e risparmio energetico

Outbrain

{ 9 comments… read them below or add one }

michele cervino settembre 26, 2016 alle 6:58 am

Scusate ma quanto costa una tegola fotovoltaico

Rispondi

marco gennaio 6, 2013 alle 10:22 am

salve,ho scoperto che la tegola fotovoltaica è prodotta adesso da Area Industrie di Anagni,questo il link:
http://www.areafranceram.com/it/tegolasolare

Rispondi

Massimiliano Marangon settembre 7, 2012 alle 11:30 am

Salve sono un installatore e avrei bisogno di avere specifiche del vs prodotto e magari poter parlare con qualche vostro agente per sapere costi e rese sul prodotto in quanto ho un cliente interessato.

Rispondi

antonella agosto 1, 2012 alle 5:25 pm

mi domando quali siano i costi di manutenzione.
In caso si debba sostituire un elemento danneggiato posizionato a ridosso del canale di gronda è necessario smantellare tutti gli elementi sovrastanti? oppure c’è un sistema che consente di smontare i singoli elementi senza intaccare quelli posizionati successivamente=?
Lo stesso dubbio rimane per gli elementi costituenti il cablaggio. In caso di malfunzionamento dovrà essere sostituito un intera linea di cablaggio?
GRAZIE

Rispondi

Sandro Luiz Fantinel maggio 26, 2012 alle 8:59 pm

Ciao sono imprenditore edile in Brasile nel Rio Grande do Sul,cita di Caxias do Sul,cosa dovrei fare per avere la rapresentazione di queste tegole in Brasile,mi interessa moltissimo il discorso.
rimango in atesa

grazie mile

Rispondi

MCG settembre 12, 2011 alle 12:25 am

Io ribadisco che hanno bisogno di una modifica per migliorare la resa!
La cella messa così, perde buona parte della sua capacità, andrebbe ridisegnare la tegola in modo che la cella stia a filo con la parte più alta, quella parte di tegola che guarda caso nelle prime e ultime ore di sole, va a creare ombra sulla cella attuale! E guardate che di perdita in efficenza non c’è n’è poca , per come è fatta attualmente.
Ciao 🙂

Rispondi

Mariella Calvo settembre 10, 2011 alle 7:21 am

Ciao Paolo, l’idea del tetto fotovoltaico per la nuova casa mi è piaciuta. Per me è bella anche esteticamente ma non conoscendo il costo non so cosa ne pensa Severino. Comunque il problema principale è vendere la nostra. Cosa ne pensi, potrei metterla in vendita con le foto su Facebook. Si può fare?

Rispondi

marcello mandreucci settembre 9, 2011 alle 8:00 pm

Sono molto interessato a lanciare il vostro prodotto (TEGOLE) negli STATI UNITI D’AMERICA. Sono un italo americano che vivo in america di piu di 30 anni.Se siete interessati il mio numero di telefono e’ 001 609 635 0331 grazie

Rispondi

MCG settembre 9, 2011 alle 3:25 pm

L’idea è buona… ma per come sono stati fatti… si deduce che non sfruttano al massimo la luce.
Ci sono le celle che rimangono in ombra nelle prime e ultime ore della giornata.
Chi capisce il perchè e a cosa mi riferisco è bravo. 😉 E non ci vuole tanto a capirlo 🙂
Si possono migliorare

Rispondi

Leave a Comment

*

{ 4 trackbacks }