Tesla, il modello S è l’auto più sicura di tutte

di Alessia del 28 agosto 2013

Tesla, l’azienda automobilistica di Palo Alto, in California, è da tempo impegnata nella realizzazione di veicoli a basso impatto ambientale e ora torna alla ribalta per un importante risultato.

La National Highway Traffic Safety Administration ha difatti assegnato di recente al modello S il punteggio più alto possibile (99 su 100), valutando l’auto con ben 5 stelline per ogni categoria.

Il modello S ha ottenuto il record per la più bassa probabilità di lesioni da frontali, laterali, posteriori e incidenti di ribaltamento, superando i punteggi riportati da SUV e minivan.

SPECIALE: auto elettriche 2013, il listino completo

Ma come mai questa vettura risulta così sicura?

Molto è dovuto al fatto che la Tesla Model S sia un’auto elettrica: nella parte anteriore difatti manca il classico motore a benzina e c’è uno spazio maggiore in caso di impatto e meno elementi che possono causare danni.

Elon Musk, il fondatore di Tesla, ha più volte spiegato questa caratteristica distintiva dell’auto con una metafora ad effetto, paragonando uno scontro frontale con un tuffo in piscina da altezza elevata. In questo caso, voi preferireste tuffarvi in una piscina profonda e senza scogli, oppure in una piscina poco profonda e piena di scogli? Credo non avreste dubbi.

Altro punto, le batterie sono poste al di sotto della vettura, quindi il baricentro risulta più basso ed è minore la probabilità di un ribaltamento. Ricordiamo inoltre che finora non si  sono mai verificate esplosioni delle batterie a ioni di litio.

L’auto sembra distinguersi per le sue prestazioni di classe mondiale, con una impressionante attenzione ai dettagli, come si legge dalla recensione.

FOCUS: Scopriamo la Nuova Tesla Model S

Tesla sta puntando in alto, dopo essersi assicurata delle buone prestazioni a livello di motore, evidentemente ha potuto curare altri aspetti altrettanto importanti per la scelta di un veicolo, primo fra tutti la sicurezza dei passeggeri.

Restano ancora un po’ proibitivi i costi di mercato, altrimenti molti di noi forse potrebbero anche farci un pensierino!

Cosa ne pensate?

Se ti è interessato questo articolo, leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *