Tornano le tartarughe Caretta sulle coste calabresi

di Erika Facciolla del 22 maggio 2013

Il paradiso della tartarughe marine in Italia? Si trova in Calabria e precisamente in un lembo di costa incontaminata del litorale ionico reggino dove, evidentemente, l’abusivismo edilizio, la criminalità organizzata e l’inquinamento ambientale – di cui tanto si è parlato nel chiacchierato (e contestato) rapporto di Legambiente e Goletta Verde –  non scoraggiano le femmine di tartaruga Caretta-Caretta che hanno scelto le spiagge calabresi come luogo ideale per nidificare.

LO SAPEVI? No dei calabresi alle trivelle di Shell nel mar Jonio

Una specie, la Caretta, tra le più vulnerabili del Mediterraneo e a forte rischio estinzione, che per deporre le proprie uova affronta viaggi estenuanti e pericoli di ogni sorta, legati soprattutto all’ inquinamento, al ‘traffico’ del mare e alla crudeltà degli essere umani.

Eppure, contro ogni pronostico, questa piccola abitante del Mediterraneo è una visitatrice abituale del basso Ionio calabrese che adesso è al centro di un interessante progetto di salvaguardia promosso dall’ Università della Calabria per monitorare e tutelare la specie e rilanciare l’immagine della regione con politiche locali mirate.

I responsabili del progetto ‘Tarta-Care’ sono i primi ad essere sbalorditi dalla scoperta: dai dati rilevati dal 2000 ad oggi, si è stabilito che il 70% dei nidi registrati in Italia si trova proprio qui, in questo angolo di costa della provincia di Reggio Calabria lungo appena 30 km ma così prezioso da essere considerato oggi larea di nidificazione della tartaruga marina più importante d’Italia.

LEGGI ANCHE: Animali a rischio. Tartaruga Caretta torna in Sicilia

E così, l’immagine rassicurante e tenera della Caretta è diventata il volto nuovo di una Calabria che si riscopre custode di un tesoro naturalistico di straordinaria importanza dove ogni anno si compie un piccolo, grande miracolo essenziale per la conservazione della biodiversità e per l’equilibrio dell’habitat marino.

La sfida è dunque iniziata: ai calabresi il compito di dimostrarsi all’altezza dell’impegno.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *