Ultimo saluto dei delfini di Gardaland

di Elle del 5 febbraio 2013

Finalmente Gardaland, il noto parco-divertimento, ha deciso di porre fine alle esibizioni dei delfini,  pur essendo questo uno spettacolo molto apprezzato dai bambini ed un’attrattiva dell’intera struttura.

Secondo il direttore del parco acquatico, Danilo Santi, la decisione presa dalla società inglese proprietaria della struttura – la Merlin Entertainments – è legata al rispetto per gli animali e all’incoerenza nell’adoperarsi per altre battaglie come quella contro la caccia alle balene.

LEGGI ANCHE: Giappone, riapre la triste pratica della caccia ai delfini

Quella che appare come una svolta animalista, in realtà, è stata preceduta da alcuni drammatici episodi legati al suicidio di 4 esemplari del delfinario negli ultimi 3 anni, tali da portare all’apertura di un’inchiesta presso la Procura di Verona.

Agli ultimi quattro delfini  in attività del parco acquatico di Gardaland (Robin, Teide, Betty e Nau) tocca in sorte, purtroppo, il trasferimento nell’acquario di Genova,  nonostante le richieste di affidamento dei cetacei inoltrate da alcune associazioni animaliste, che vorrebbero scongiurare altre situazioni in cattività.

VAI A: Sondaggio Ipsos: gli italiani dicono no ai delfinari

Di fatto, questo famoso parco dei divertimenti merita comunque il riconoscimento di aver finalmente rinunciato alla detenzione di animali così intelligenti come i delfini, nonostante l’alta redditività delle loro esibizioni a favore di un’evoluzione del divertimento che non sia più a danno di altri esseri senzienti e punti all’educazione verso il rispetto della vita.