Un bollino compostabile per frutta e verdura bio

di Luca Vivan del 22 giugno 2013

La provenienza dei prodotti che compriamo quotidianamente è importante, che sia da agricoltura biologica o dal mercato equo e solidale, è ormai evidente che le nostre scelte di acquisto possano fare la differenza.

Sono numerosi i fattori che portano un sempre più crescente numero di persone a scegliere frutta e verdura con elevati standard ecologici e sociali. E nonostante la crisi, il mercato di questo comparto è in crescita anche in Italia.

Il prodotto però non il solo elemento da valutare prima del consumo, l’impatto dei nostri acquisti dipende anche da quanti km ha percorso prima di arrivare sulle nostre tavole o anche dal tipo di packaging utilizzato.

LO SAPEVI? Nell’Italia della crisi crescono le aziende che hanno una eco-label

Quante volte di fronte ad una banana biologica e certificata da organismi del commercio equo ci siamo trovati di fronte ad un’etichetta di carta adesiva che non poteva essere gettata nei rifiuti umidi?

L’azienda umbra Polycart ha ovviato al problema progettando delle pellicole adesive realizzate in Mater-BI, la bioplastica elaborata a partire dall’amido di mais di cui sono fatti ormai molti sacchetti della spesa.

Il nome del prodotto è ‘Compost Label’, ma per semplicità verrà chiamato biollino. È infatti un bollino 100 % biodegradabile e compostabile, secondo gli standard dell’Unione Europea e sarà pronto per fine estate, dopo aver già incontrato il favore di produttori di frutta e verdura che l’hanno visto alle fiere di settore a Berlino e Udine.

Finalmemte una buona bio-idea!

LEGGI ANCHE:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *