Un caschetto ci avvisa se un’auto ci sta venendo addosso

di Luca Scialò del 10 agosto 2016

Solo negli Stati Uniti sono 100 milioni le persone che usano la bicicletta. Un numero notevole si dirà. Peccato però che solo una piccola percentuale tra loro lo faccia per andare al lavoro o per svolgere le proprie commissioni quotidiane. Motivo? Andare in bici è molto pericoloso, giacché, nelle congestionate strade cittadine, il rischio di essere investiti da un’auto è sempre dietro l’angolo. E lo stesso vale per noi italiani: le nostre città hanno poche e mal tenute piste ciclabili e molti automobilisti vedono il ciclista come il fumo negli occhi.

Leggi anche: Bici elettriche: il listino completo di modelli e prezzi

Partendo da questa preoccupazione che una startup americana, Brooklyness, ha ideato un caschetto per ciclisti capace di avvisare se sta arrivando un’auto che potenzialmente potrebbe investirvi sia davanti che di lato, ma che non si riesce a vedere per la scarsa visuale della strada che state percorrendo.

elmetto 2

Il caschetto è dotato di una luce che lampeggiando segnala la presenza del ciclista all’automobilista, mentre un navigatore GPS gli consiglia di cambiare strada. E anche qualora l’automobilista dovesse malauguratamente investirvi, il caschetto scatta delle foto che mostrano la dinamica dell’incidente. Il caschetto è infatti dotato di fotocamera frontale e laterale. Quante controversie risolte dalle foto…

Il caschetto anti-investimento per ciclisti ha diversi sensori che seguono i movimenti del ciclista e in base a questi dati un algoritmo elabora un percorso ideale e una strategia che può portare alla collisione, e avvisa il ciclista in caso di pericolo, così come avvisa l’automobilista che inavvertitamente gli sta andando contro.

elmetto 3

Bisogna comunque dire che non è il primo elmetto capace di segnalare pericoli e scattare foto. Tuttavia, Brooklyness è il primo così facile da utilizzare. Del resto, l’obiettivo della startup è quello di rendere la tecnologia utile e fruibile a tutti.

Speriamo dunque che questo casco trovi modo di essere messo in produzione e che in futuro giunga anche in Italia, dove tanti hanno la passione della bici, ma vi rinunciano perchè la zona in cui vivono non gli permette di praticarla.

Per saperne di più su Classon Helmet – questo il nome originale dell’elmetto – potete andare sul sito ufficiale: Kickstarter.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *