Una mini-residenza di legno per studenti, approvata dai ragazzi dell’Università di Lund

di Jessica Ingrami del 18 dicembre 2013

Trovare un alloggio gradevole e ad un prezzo onesto, sta diventando una vera impresa per gli studenti svedesi fuori sede. Proprio per questo, un team di architetti dello studio Tengbom, in collaborazione con l’Università di Lund, nel sud della Svezia, ha ideato una soluzione economica, pratica e a basso impatto ambientale: la Smart Student Unit, una mini-abitazione di appena 10 mq che contiene tutto il necessario per consentire agli studenti di avere uno spazio intelligente e di eco-design in cui vivere.

VAI A: Case prefabbricate in legno, chi l’ha detto che non sono resistenti?

La mini-residenza è stata costruita interamente in legno di provenienza locale e nella sua limitata metratura prevede: un angolo cottura dotato di mensole, un bagno, uno spazio con tavolo e sedie e, nel soppalco mansardato, una zona notte con letto-futon. Il design della micro-abitazione è estremamente curato: forme tondeggianti e rifiniture color verde mela fanno risaltare il legno chiaro e illuminano l’ambiente.

SCOPRI COME… Costruirsi da soli una casa prefabbricata con meno di 20 mila euro, con Nomad Micro Homes

L’idea dei progettisti è stata quella di creare un’abitazione che accolga lo studente durante la sua carriera scolastica, terminata la quale la Smart Student Unit tornerà disponibile per un nuovo universitario fuori sede. La mini-casa, quindi, non è stata pensata per essere acquistata come dimora stabile. Infatti, lo stesso studio Tengbom annuncia che, entro l’anno prossimo, sono previste 22 unità abitative per gli universitari di Lund all’interno di un parco dedicato.

GUARDA LE FOTO DELLA MINI-RESIDENZA

Guarda le foto

Il tutto in collaborazione con aziende del territorio che si occupano di edilizia e di scienze forestali.

LEGGI ANCHE: Una casa fatta di finestre di recupero

L’unico neo dell’iniziativa è il costo, ancora sconosciuto. La mini-residenza, per ora, è ancora un prototipo, ma si stima che avrà un prezzo relativamente basso e accessibile a tutte le tasche. Se il progetto avrà il successo sperato, non si esclude di poterlo esportare anche in altre grandi città universitarie che si trovano a dover fronteggiare il problema degli alloggi per studenti, e chissà che non si favorisca lo sviluppo di un nuovo trend abitativo.

POTREBBE INTERESSARE: Downsizing, in California le case sono sempre più piccole

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *