Wastecooking: la cucina antispreco fatta con gli avanzi

di Elle del 7 dicembre 2016

Cucinare con gli avanzi è la provocatoria iniziativa di David Gross che punta a sensibilizzare sullo spreco alimentare. Scopriamo cos’è il wastecooking.

Il wastecooking, letteralmente ‘cucinare con gli avanzi’, è un vero e proprio movimento fondato dal cuoco attivista austriaco David Gross.

L’attivista ha fatto dell’antispreco il suo obiettivo soprattutto nel campo alimentare. Il suo slogan “Food is culture. Don’t waste it, cook it!” (Il cibo è cultura. Non sprecarlo, cucinalo!) rende evidente come la sua attività sia ispirata dal notevole sperpero di alimenti ancora buoni e commestibili.

Ciò accade non solo quotidianamente nelle nostre cucine, ma anche da parte di supermercati e ristoranti. Gli avanzi di cibo finiscono così per riempire i cassonetti.

Wastecooking: tutto partì da…

L’esperienza di Gross partì proprio dalla curiosità di scoprire cosa avrebbe trovato rovistando nella spazzatura. La sua scoperta fu sconvolgente, visto il ricco bottino che David riuscì a recuperare. Una serie di avanzi tali da permettergli di organizzare una cena di qualità per molti amici.

SPECIALE: Idee per cucinare con gli scarti di verdura o di frutta

La coerenza antispreco del provocatorio attivista austriaco, tuttavia, non si esaurisce ai fornelli. Egli, infatti, si impegna ad esempio a riciclare l’olio vegetale esausto come carburante della sua ‘waste-mobile’.

Lo chef viaggia portando con sé la sua creatività e ironia con cui dimostra come si possa riutilizzare cibo sprecato ancora buono con originali e sfiziose ricette.

wastecooking

La filosofia del wastecooking? Food is culture. Don’t waste it, cook it!

In effetti, secondo le stime circa 90 milioni di tonnellate di alimenti finiscono nella spazzatura solo in Europa. Un quantitativo simile di questi presunti scarti alimenti sarebbe sufficiente a nutrire chi ancora muore di fame nel mondo.

Come suggerisce David Gross, è preferibile non recarsi a fare la spesa quando si ha fame. Spesso ci lasciamo tentare dal desiderio di riempire il carrello senza pianificare i nostri reali bisogni alimentari.

Molte volte l’esito di queste scelte è uno spreco alimentare che possiamo ogni giorno cercare di evitare.

Wastecooking: la storia in immagini

La storia di David vi ha incuriosito? Ecco un breve video sottotitolato in inglese, che ce la racconta in immagini. Merita davvero, fateci sapere la vostra impressione nei commenti…

Forse ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

*