A Priolo nasce la centrale solare termodinamica Archimede con specchi ustori

di Marco del 15 luglio 2010

Nasce a Priolo la prima centrale solare termodinamica composta da specchi ustori in grado di funzionare anche di notte e che fornirà energia elettrica a 4 mila famiglie. La centrale solare termodinamica Archimede, già ribattezzata “fattoria del sole” utilizza la tecnologia dei sali fusi; primo caso al mondo, integrata con un impianto a ciclo combinato dove gli specchi parabolici lineari concentrano e riflettono la luce solare su tubi.

A Priolo nasce la centrale solare termodinamica Archimede con specchi ustori

All’ interno dei tubi scorre olio minerale, quì l’olio si riscalda e viene trasportato in una caldaia dove l’acqua, diventata vapore ad alta pressione, aziona le turbine che producono energia elettrica. Altra caratteristica essenziale della centrale solare termodinamica Archimede di Priolo, è la capacità conservare l’energia termica del sole generando elettricità anche di notte o in caso di cielo coperto.

L’impianto della centrale solare termodinamica Archimede è costato 60 milioni di euro, ha una potenza di 5 megawatt, dispone di 30 mila metri quadri di specchi collettori parabolici e 5 chilometri e mezzo di tubi speciali. L’energia prodotta dalla centrale solare termodinamica Archimede di Priolo permetterà di risparmiare 2.100 tonnellate di petrolio all’anno e di ridurre le emissioni di anidride carbonica per circa 3.250 tonnellate.

Articoli correlati ad Energia Solare, Sole, Fotovoltaico:

Solare Termico: cosa vuol dire?
Energia solare termoelettrica: che cos’è e come funziona
Breve storia dell’energia solare
Energia eolica, solare: come produrre energia e rivenderla all’Enel
Come assicurare pannelli solari e impianti fotovoltaici
Dal fotovoltaico l’energia per auto e bici elettriche
Come scegliere i pannelli solari?
Radiazione solare: cosa vuol dire?
Impianti Fotovoltaici: tutto Green quello che luccica?

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment